POESIE - CAMPANIA
‘STU CHIANTO TUJO…
Sonetto dedicato a quella che - da sempre - è un'arma vincente della donna: il pianto. Il sonetto fu scritto tanti anni addietro, quando l'inesperienza della giovane età poteva lasciarsi commuovere dal pianto!
Dialetto: Campania

‘STU CHIANTO TUJO…
Nun ‘o sapisse! E invece ‘o ssaje e 'o ffaje appòsta,
ma a chiagnere nun serve! Si è fernuto…
si tutt’’o bbene nuosto s’è perduto
‘stu chianto a che te serve, facciatosta!?...

Asciúttate chist’ uocchie e miette a pposto
‘o segno d’’o rrimmèllo ca t’è scennuto
‘nfaccia a ‘sta faccia e tutta ll’ ‘à tignuta…
Asciuttatélle ‘sti llacreme ‘e gnosta!...

Tanto ‘sti ggocce ‘e chianto avvellutato
so’ fauze, oj ne’, nun venono d’’o core:
‘o core sta redenno e sta prïato

e sta penzanno a n’ ato… traditora!
Pirciò asciutta ‘a faccia e statte allera…
E mmo vatténne…. È ttarde! Bonasera.



Traduzione in italiano

QUESTO TUO PIANTO
Non ne fossi a conoscenza!E invece lo sai e lo fai deliberatamente,
ma il pianto non serve! Se è finito...
se tutto il nostro bene è perduto
questo pianto a cosa vale, spudorata?

Asciùgati questi occhi e sistèmati
il segno del rimmel che ti è colato
sulla faccia e te l'à imbrattata tutta...
Asciùgatele queste lacrime d'inchiostro!

Poiché queste gocce di pianto vellutato
son false... non provengono dal tuo cuore
che (invece) ride ed è contento
e pensa ad un altro, traditora!
Per cui asciuga la faccia e sta' allegra...
Ed ora, vattene... E' tardi! Buonasera!

Racconto inviato da: RAFFAELE BRACALE - napoli