POESIE - LOMBARDIA
SAM CHE SAMA

Dialetto: Lombardia

SAM CHE SAMA
A ólte se fa vespe e a olte lüzarì
come gér, apó encö, en del me có
àe nuiuse le sèghita a girà
fin a fas en sam che örès samà.

Sto sam strimìt el söbia, el rógna
el serca strach en sit endó postàs.
Só prope mia che sancc tra ensèma
sto scampulì sfasàt de nìgol scür

de per so cönt, de göst, sèmper isé
se fa sto gamesèl de lasà sta,
el spóns fes, dispitùs, a sinsigàl.

Spere che el se peséghe, sto sam
nuiùs a nà e al sò pòst stralüze
el ciar lezér dei lüzarì dumà.



Traduzione in italiano

Sciame
A volte sono vespe e a volte lucciole
ma, come ieri, anche oggi, nella mia testa
brusio d’api noiose persiste a frullare
fino a dare origine ad uno sciame che ronza.

Questo sciame impaurito strepita e rumoreggia,
spossato, cerca un luogo ove appoggiarsi.
Non so dire come si è formata
quest’insolente nuvoletta nera

da solo, zelante, sempre nello stesso modo
è un gomitolo da non toccare,
dispettoso, punge a stuzzicarlo.

Spero che questo sciame molesto
si affretti ad andarsene e nella mia testa
domani si accendano lucciole.


Racconto inviato da: Velise Bonfante