POESIE - SICILIA
Chi fini faci 'u sciccareddhru?
Si tratta di una rielaborazione di un articolo di costume di Antonio Gramsci datato 1916 e intitolato "Che fine fa il muletto". L'articolo è ora raccolto in "Piove, governo ladro" Editori Riuniti. La seguente rielaborazione è nata per essere cantata. Potete trovarne una versione nel demo della Brigata Torquemada: www.brigatatorquemada.it
Dialetto: Sicilia

Chi fini faci 'u sciccareddhru?
Stamatina chi tiatru
Muriu ‘nu sciccareddhru
Fu un thram cu l’occhi di vithru
Chi ‘mbistiu lu povereddhru
I cristiani – quantu vuci! –
“Megghiu u sceccu & no u carusu”
Carusazzu mali atruci
Senza sceccu pacinziusu

Un surdatu ‘nta ddhra foddhra
“Puru u sceccu vali sordi”
& ‘nto menthri a vita coddhra
già resuscitau in ricordi.
Mai si statu accussì vivu
Comu ora chi muristi
L’avveniri ene cattivu
La to fini beddhra & thristi

& dumani ‘nto mercatu
ni putii ni li locanni
s’ave a vinniri affettatu
pi cavaddhru la to carni
accussì vace a finiri:
cammareri ‘nfaccia stancu
fa pacari deci liri
& mi cunta chi si jencu.



Traduzione in italiano

Che fine fa l'asinello?
Stamattina che trambusto
morì un asinello
fu un tram con gli vitrei
ad investire il poveretto
le persone - quante grida! -
"Meglio l'asino che il ragazzo"
ragazzaccio male atroce
senza l'asino paziente

un soldato fra la folla
"Pure l'asino va le soldi"
e mentre la vita tramonta
è già risorto nei ricordi.
Non sei mai stato così vivo
come ora che sei morto
il futuro è prigioniero
la tua fine è bella e triste

e domani al mercato
nelle botteghe nelle locande
si venderà affettata
spacciata per cavallo la tua carne
così va a finire:
un cameriere dalla faccia stanca
mi fa poagare dieci lire
e mi racconta che sei vitello.

Racconto inviato da: Filippo Sottile