POESIE - CALABRIA
Di quanti sfurtunati su allu mundu
Il più sfortunato di tutti gli uomini: qualunque cosa tenti di fare non gli riesce.
Dialetto: Calabria

Di quanti sfurtunati su allu mundu
I quanti sfurtunati su allu mundu,
Eu lu cchiù randi mi vogghiu chiamari.
Jettu la pagghia a mari e mi va an fundu
E all'atri viu lu chiumbu 'nsummari;
Atri frabbrica casi allu sdirrupu,
Ed eu a lu chianu non ndi potti fari.
Atri spremi la petra e nesci zzucu,
Pi mia ssiccaru tutti li funtani.


Traduzione in italiano

Di quanti sfortunati sono al mondo
Tra quanti sfortunati ci sono al mondo
io mi voglio chiamare il maggiore di tutti.
Se getto la paglia a mare mi va a fondo,
agli altri vedo galleggiare il piombo.
Gli altri costruiscono case negli strapiombi
ed io non l'ho potuta costruire in piano.
Gli altri spemono la pietra ed esce sugo,
per me si sono asciugate tutte le fontane.

Racconto inviato da: anonimo