POESIE - MARCHE
Marina de aprile
La marina in aprile,si apre al sole: le verdi persiane delle casette dei pescatori si schiudono,i vecchi "marinari" rammendando le reti,ricordando lotte contro tempeste ormai passate.Tutto è sereno sulla marina e si resta in attesa della bella stagione.
Dialetto: Marche

Marina de aprile
Paesu spasu al sole,
un pò 'ndurmitu,
respiri lonna marina
e bei luce
al ventu nou
de la primaèra:
i occhi 'èrdi
spalanga le fenestre,
le porte s'apre
tutte alla marina.
I marinari,
facce cume creta,
cu' le ma' lente
remacchia 'ècchie rete.
Le 'oce calme
se rcòntene battaje
cul ventu,el maru
le lonne,i furtunali
'nti primi anni
de la gioentù.
El maru adessu
è calmu,senza 'èntu,
sparitu 'èrsu tera
el leantàcciu:
el monte 'spetta
la luna sua
d'argento.






Traduzione in italiano

Marina d'aprile
Paese disteso al sole,
sonnolento
respiri onda marina
e bevi luce
al vento nuovo
della primavera:
occhi verdi
spalancano le finestre,
le porte si aprono
tutte verso il mare.
I pescatori,
visi come creta,
con mani calme,
rammendano vecchie reti.
Voci tranquille
si raccontano battaglie
col vento,col mare,
i cavalloni,le burrasche
nei primi anni
della gioventù.
Il mare,adesso,
è tranquillo,senza vento
è sparito verso terra
il levantaccio:
il monte aspetta
la luna sua
d'argento.




Racconto inviato da: Novella Torregiani