POESIE - CALABRIA
SCIURI DI CANNA
Una serie di proverbi formano uno stornello.
Dialetto: Calabria

SCIURI DI CANNA
Sciuri di canna:
non cridiri alli ditti di la donna:
prima ti rici si e poi t'inganna.

Sciuri di citru:
l'anuri di la donna e comu o vitru.

Sciuri di ruta:
comu lu ventu la donna si muta.

Sciuri d'arangiu:
cu li beddi figghioli mai non fingiu,
ma cu l'occhi li guardu e mi li mangiu.

Sciuri di rasta:
lu suli ti saluta a 'ssa finestra,
ma l'acqua chi ti dannu non t'abbasta.

Sciuri di l'ortu:
chiùditi chi pa' guera partu
e non t'apriri cchiù si restu mortu.

Sciuri di sorba:
l'ambiria havi l'occhi, ma la furtuna è orba.

Sciuri di nuci:
tutti a stu mundu portunu na' cruci.

Sciuri di puma:
tianu chi burbugghi fa 'nsummari schiuma.

Sciuri 'i limuni:
esti megghiu galiotu ca spiuni.

Sciuri di rosa:
sutta a li frundi la serpa riposa.

Sciuri 'i muluni:
esti megghiu povareddu ca latruni.

Sciuri di linu:
esti megghiu surdateddhu ca parrinu.

Sciuri 'i cucuzza:
l'omu putruni è comu la stracuzza.

Sciuri 'i cirasa:
sbrèndisi 'i fora e pricchiu 'nta la casa.

Sciuri di pipi:
'u pricchiu quantu perdi non lu sapi:
staci 'nta l'acqua e mori di la siti.

Sciuri di menta:
cu' sciala non po' cridiri a cu stenra.

Sciuri di maju:
vi ricu bona sira e mi ndi vaju.








Traduzione in italiano

Fiore di canna
Fiore di canna:
non credere alle parole della donna:
prima ti dice si e poi t'inganna.

Fiore di cedro:
l'onore della donna è come il vetro.

Fiore di rucola:
come il vento la donna si muta.

Fiore d'arancio:
con le belle ragazze non mi fingo,
ma con gli occhi le ammiro e me le mangio.

Fiore di vaso:
il sole ti saluta in questa finestra,
ma l'acqua che ti danno non ti basta.

Fiore dell'orto:
chiuditi in casa che parto per la guerra
e se muoio non uscire più.

Fiore di sorbo:
l'invidia ha gli occhi ma la fortuna è cieca.

Fiore di noce:
tutti a questo mondo portano una croce.

Fiore di mela:
tegame che bolle porta a galla la schiuma.

Fior di limone:
è meglio essere galeotto che spione.

Fiore di rosa:
sotto le fronde si cela il serpente.

Fior di mellone:
è meglio poverello che ladrone.

Fiore di lino:
è meglio soldatino che prete.

Fiore di zucca:
l'uomo poltrone è come la tartaruga.

Fior di ciliegia:
splendido fuori ed avaro in casa.

Fiore di peperone:
l'avaro non sa quanto perde:
sta in acqua e muore di sete.

Fiore di maggio:
vi dico buona sera e vado via.

















Racconto inviato da: anonimi