POESIE - CAMPANIA
Vintunora
Quando il ricordare è gradito, i sensi tutti fanno a gara nell’esercizio di memoria. Il più discreto è l’olfatto. Chiudo gli occhi e aspiro profondamente e ritorno dov’ero una volta.
Dialetto: Campania

Vintunora
Fa ampressa,
priésto!
Vintunora è già sunata;
Sta pe ferni’ a jurnata.

N’addore ‘i maletiempo, mo
m’arravoglia. Pare tanno.
Salata cumm’a chianto
e nneglia sbentuliata,
a rusca ‘i mare nfracica
vasuli niri e petturate
e nfosa spercia i panni

N’addore ‘i muro sicco
scarduni e sfrauscimma.
L’astico nt’a cuntrora
a vermenara mpont’û muro
nt’î scarde ‘i vrito a cculore.
Na panza senghiata,
tracchie nere ‘i pece,
nu paglione tuosto, stiso
uardanno ncielo, luntano
liggenno a Folknerro.

N’addore ‘i na culata
nt’a fferze janche spase
ca u viento stincenea,
è sciso u maistrale,
e u mare s’è nfuscato

N’addore ‘i gesummini
p’a scesa ntruppecosa,
nu sciuscio ‘a mare nfaccia
lieggio cumme u passo.
E mo nu pesemore ncuollo
strascenanno u nnanzerreto
ncoppa a sbrennenti marmuli
a nu paese furesto.



Traduzione in italiano

L'ora canonica
Fai presto,
svelto!
L’ora nona è già suonata;
il giorno volge alla fine.

Un odore di temporale, ora
m’avvolge. Sembra allora.
Salata come pianto
e nebbia nel vento,
spruzzoli di mare intridono
basoli neri e parapetti
e molli le vesti pèrmeano.

Un odore di muro secco
scheggioni e calcinacci.
Il terrazzo nel pomeriggio
la lucertola sul muro
tra cocci di vetro colorato.
La volta lesionata,
cicatrici nere di pece,
come duro letto, disteso,
guardando in alto, lontano
leggendo Faulkner.

Profumo di bucato
tra teli bianchi stesi
che il vento squassa,
è sceso il maestrale,
e il mare s’è imbronciato.

Profumo di gelsomini
per la scabra discesa,
dal mare di fronte un soffio
leggero come il passo.
Ora una pesantezza addosso
strascicando il vagare
su splendenti marmi
in un’estranea città.


Racconto inviato da: Salvatore Argenziano