POESIE - CALABRIA
Calabrisella
Un giovane ruba un fazzoletto steso al sole da una fanciulla alla quale chiede dell'acqua. Ma per via non si da acqua, ma al riparo di sguardi indiscreti...
Dialetto: Calabria

Calabrisella
Quandu ti vitti all'acqua chi lavavi
lu me coruzzu si jnchiu d'amuri,
alla sipala undi li robbi jampravi
jeu t'arrobbai lu megghiu muccaturi.
Calabrisella mia, calabrisella mia,
calabrisella mia sciuri d'amuri
E trullaleru, lalleru là là,
sta calabrisella muriri mi fa

Calabrisella mia, calabrisella,
tutta vagnata dall'acqua vinia.
- Dammi nu biccheri d'acqua frisca e bella,
- Acqua non si ndi duna pi la via.
Venitindi ccà retu a' vinedda
ca t'ugnu l'acqua e puru si vo a mia.
Vidi non mi si ruppi la lancella,
mammama mi mina, mammama pi tia.
- Si ti la ruppu ti l'accatu nova,
cu li dinari di la sacca mia.
Calabrisella mia, calabrisella mia etc..

- Venatindi sta sira alla tardata
ca mammama non c'è e mi trovi sula.
Ora vinisti e la porta è serrata
e minattila la testa a li mura.
- Prima dicisti si, ora non voi,
dimmi di cu ti schianti e nu' lo fai,
chi si ti spagni di li genti toi,
ti pugghiu an brazza e no' ti posu mai.
Calabrisella mia, calabrisella mia, etc.






Traduzione in italiano

Calabresella
Quanto ti ho vista all'acqua che lavavi
il mio cuore si è riempìto d'amore,
nella siepe dove stendevi i panni
io t'ho rubato il più bel fazzoletto.
Calabrisella mia, calabrisella mia,
calabrisella mia fiore d'amore.
E trullaleru, lalleru là là
sta calabrisella murire mi fa.

Calabrisella mia, calabrisella
tutta bagnata dall'aqua veniva
- Dammi un bicchiere d'acqua fresca e bella,
- Anqua non se ne dà per strada.
Vieni qua dietro nel vicoletto
e ti dò l'acqua e se vuoi anche me stessa.
- Bada a non rompere la brocca
che la mamma mi mena per causa tua.
- Se te la rompo te la compro nuova
con i denari della tasca mia.
Calabrisella mia. calabrisella etc.

Viene questa sera al tardi
che mia madre non c'è e mi trovi sola.
Ora sei venuto ma la porta è sprangata
e battiti la testa al muro
- Prima hai detto di si, ora non vuoi,
dimmi di chi hai paura e non lo fai,
che se hai paura dei parenti tuoi,
ti prendo in braccia e non ti poso mai.
Calabrisella mia, calabrisella mia etc.

Racconto inviato da: anonimo