POESIE - CALABRIA
Cu 36 carrini mi ccattai 'na vigna
Acquisti, costruzioni, amori di un giovane sfortunato.
Dialetto: Calabria

Cu 36 carrini mi ccattai 'na vigna
Cu' 36 carrini mi ccattai ‘na vigna,
mi la ccattai supra a ‘na muntagna:
cu' si sciuppa lu rappu e cu la fogghia,
povira vigna mia cu' si lamgana.

Pinai tantu pi fari un castellu
cridendu ch’era ieu lu castellanu,
ma dopo chi lu fici priziuso e bellu
li chiavi mi spariru da li manu.

Restai comu un pitturi senza pinnellu,
comu nu cacciaturi senz’arma a manu.
No si po’ frabbricari senza livellu,
mancu fari l’amuri di luntanu.

Oh quantu è bellu l’amuri di vicinu,
se non la viri la senti cantari,
la senti quandu chiama li jaddini:
"veni piruzza mia, veni a mangiari".

Quantu chi jettai nu suspireddu
alla finestra si ffacciaru ddui.
Una mi rissi: " veni ccà, chi fai?"
L’atra mi rissi; "‘nchiana ca ‘ndi nui".

Dicitimi a und'è lu tribunali,
undi si fannu li causi d’amuri:
a ddha figghiola l’hannu a cundannari
si ju vantandu chi cchiù non mi voli.

Mò è carcerata e la notti si ‘nzonna
chi a libertà ‘nci nesci la cundanna.
Hannu a passari vintinov'anni, 11 misi e 19 jorna,
hannu a passari vintinov'anni, 11 misi e 19 jorna.







Traduzione in italiano

Con 36 carlini ho comprato una vigna
Con 36 carlini ho comprato una vigna,
l'ho comprata sopra una montagna:
chi stacca il grappolo e chi la foglia,
povera vigna mia chi se la mangia.

Ho penato tanto per fare un castello
credendo che sarei stato io il castellano,
ma dopo averlo costruito prezioso e bello,
le chiavi mi son sparite dalle mani.

Son rimasto come un pittore senza pennello,
come un cacciatore senza arma in mano.
Non si può fabbricare senza livello, neppure fare l'amore da lontano.

Oh quanto è bello fare l'amore da vicino,
se non la vedi la senti cantare,
la senti quando chiama le galline:
"vieni piruzza mia, vieni a mangiare".

Appena che ho emesso un piccolo sospiro
alla finestra si sono affiate in due.
Una mi ha detto: "vieni qua. che fai?"
L'altra mi ha detto:"sali qui da noi".

Indicatemi dov'è il tribunale,
dove si fanno le cause d'amore:
a quella ragazza la devono condannare,
si è vantata che più non mi vuole .

Ora è incarcerata e la notte sogna
che gli scontano la condanna e potrà uscire.
Devono passare ventinove anni, 11 mesi e 19 giorni,
devono passare ventinove anni, 11 mesi e 19 giorni.




Racconto inviato da: anonimo