POESIE - CALABRIA
A ficareddha mulingiana
Allegoria di un innamorato prima invitato e poi respinto.
Dialetto: Calabria

A ficareddha mulingiana
Arsira cu lu lustru di la luna
vitti na' ficaredda mulingiana:
lu cori mi riciva: 'nchiana, 'nchiana,
lu cori mi riciva: sciuppind'una.
Ma quandu mi schianai sulla ficara
ddha supra si schiancau la megghiu rama.
Oh sorti mia chi esti tristi e mara,
ca chiddha chi m'amava ora non m'amama.


Traduzione in italiano

Il fico nero
Ieri sera al chiaror della luna
ho visto un albero di fichi neri:
il cuore n'invitava a salire
ed a staccare un frutto.
Ma quando fui sopra l'albero
si spezzò il ramo migliore.
Oh sorte mia triste e amara
che la ragazza che mi amava ora non m'ama.

Racconto inviato da: anonimo