POESIE - CALABRIA
Prima dicisti si, ora non voi.
Un innamorato cerca di convincere la sua ragazza il cui amore è contrastato dai parenti.
Dialetto: Calabria

Prima dicisti si, ora non voi.
Prima ricisti si, ora non voi,
dimmi di cu’ ti spagni e non lu fai,
chi si ti spagni di li genti toi,
ti pigghiu an brazza e non ti scindu mai

Ti posu undi posunu l’aroi,
undi li ceddi non fannu fulei,
luntanu assai di li parenti toi,
undi to mamma non ti viri mai.

Si veramenti mi voi beni assai,
beddha figghiola di li sonni mei,
si chistu esti lu desideriu toi,
statti cu mia e non mi lassari mai.

Statti cu mia figghiola beddha,
statti cu mia bo mi lassari mai,
a chistu cori pensici tu,
a chistu c ori pensici tu.



Traduzione in italiano

Prima hai detto di si, adesso non vuoi più.
Prima hai detto si, adesso non vuoi più,
dimmi di chi hai paura e non lo fai,
perché se hai paura della gente di casa tua,
ti prendo in braccio e non ti metto mai giù.

Ti poso dove si fermano gli aironi,
dove gli uccelli non fanno il nido,
molto lontano dai parenti tuoi,
dove tua madre non ti vedrà mai.

Se veramente mi vuoi molto bene,
bella fi9gliola dei miei sogni,
se questo è il vero desiderio tuo,
vieni a stare con me e non mi lasciare mai.

Stai con me bella figliola,
stai con me e non mi lasciare mai.
a questo cuore pensaci tu,
a questo cuore pensaci tu.



Racconto inviato da: anonimo