POESIE - CALABRIA
'A funtana 'i Ruggiu
A Reggio negli anni 50 venne costruita una fontana le cui acqua, per effetto del vento, bagnavano i passanti.
Dialetto: Calabria

'A funtana 'i Ruggiu
O riggitani, dopu tanti peni,
facistuvu ‘nt’on largu ‘na funtana
chi piscia propriu comu veni veni
pi tutt’a notti e ppa iurnata sana…

O riggitani, mi si rici chissa:
v’ambriacastuvu d’acqua comu e fissa…
e facistuvu ‘na cosa strafalaria
chi pari ch’è Giufà chi piscia allaria…

Ma chi ssu’ ddhi tri peri, ddhi tri anchi
‘i fora ‘ncumarini e d’intra janchi?
E ghistuu a Roma! Pigghiastuvu cunsigghiu,
ca va putiva fari puru Bbrighhiu!

E ora nta’ ‘na iargia, all’archiggiatu,
‘mpenditici nu pappajaddhu ‘mmaestratu,
m’aggrira e scanz’a ggenti ‘i ddha striscia:
“passati ‘o largu ca’ funtana piscia!”…

Ma nci nd’è n’atra ancora ma sintiti:
dissi Giufà; “a facistuuu e vva’ tiniti!”
E ora resta ‘nu dittu ‘i stu pruriggiu:
“fissa cchiù fissa da funtana ‘i Riggiu!”



Traduzione in italiano

La fontana di Reggio
O reggini, dopo tante pene,
avete fatto nella piazza una fontana
che piscia in aria alla rinfusa
per tutta la notta e per l'intera giornata...

O Reggini, che si dica questa:
vi siete ubbriacati con l'acqua come gli stupidi
ed avete fatto una cosa sensa senso
che sembra Giufà che piscia per aria...

Ma cosa sono quei tre piedi, quelle tre gambe,
di fuori celestini e dentro bianche?
E siete andati a Roma! Avete preso consiglio,
che ve la poteva fare pure Brigghio!...
E ora in una gabbia sotto le arcate
metteteci un papagallo ammaestrato,
che gridi e faccia scansare la gente da quella striscia:
"Passate al largo che la fontana piscia!"...

Ma ce n'è un'altra ancora che la sentiate:
ha detto Giufà: l'avete fatta e ve la tenete!"
Ed ora resta un detto di questo prodigio:
"stupido, più stupido della fontana di Reggio!"*


* Molti anni dopo la fontana venne demolita ed ora rimane il ricordo ed il detto immortalato da Nicola Giunta.

Racconto inviato da: Nicola Giunta