POESIE - CALABRIA
Ciuccukatera e pettinissa
Cantilena fanciullesca
Dialetto: Calabria

Ciuccukatera e pettinissa
Cummari, cummari ndaviti piselli?
Gnura sì ca sunnu belli.
E cummari ‘ndaviti palumbi?
Gnura si ca ndaiu tri.
E cangiamu cu ‘nu tarì
Lu tarì mi pari pocu.
E cangiamu cu lu focu.
Ma lu focu mi pari ardenti.
E cangiamu cu lu sepenti.
Lu serpenti ndavi l’ali.
E cangiamu cu lu canali.
A lu canali ndavi l’acqua.
E cangiamu cu la vacca.
Ma la vacca ndavi li corna.
E cangiumu cu la donna.
Ma la donna vaci alla missa,
cciucculatera e pettinissa,
cciucculatera e pettinissa



Traduzione in italiano

cioccolateria e poettinino
Commare, commare avete piselli?
Signora si che sono belli;
E commare avete colombe?
Signorasi, ce ne ho tre.
E combiamo con un tarì.
Il tarì mi sembra poco.
E cambiamo con il fuoco.
Ma il fuoco è ardente.
E cambiamo con un serpente.
Il serpente ha le ali.
E cambiamo con un canale.
Ma il canale ha l'acqua:
E cambiamo con la vacca:
E la vacca ha le corna.
E cambiamo con la donna.
E la donna va a messa,
cioccolatiera e pettinino,
cioccolatiera e pettinino.


Racconto inviato da: anonimo