POESIE - CALABRIA
E ballati, balllati
La tarantella riggitana ('a viddaneddha) e accompagnata da esortazioni e commenti vocali.
Dialetto: Calabria

E ballati, balllati
E ballati e ballati,
fimmini schetti e maritati
e si non ballati bonu
non vi cantu e non vi sonu
e si non ballati pulitu
'nci lu ricu allu vostru zitu.
E sunati compari Naseddhu...
a vui compari cu tambureddu.
Mpari Peppi, mpari Peppi,
vi pigghiu la misura di li scarpi;
mpari Natu, mpari Natu,
attentu ca rruppiti lu mattunatu.
Ballunu lu palumbu e la palumba,
parunu figghi di ‘na sula mamma.
Arsira mi mangiai la liparota,
stasira nesciu e ballu la me zita.


Traduzione in italiano

Ballate, ballate
Ballate, ballate,
done nubili e sposate
e se non ballate bene
non vi canto e non vi suono
e se non ballate correttamente
glielo dico al vostro fidanzato.
E suonato compare Nasello...
a voi compare con il tamburello.
Compare Peppe, compare Peppe,
vi prendo la misura delle scarpe:
compare Nato, compare Nato,
attento che rompete il lastrico.
Ballano il colombo con la colomba,
sembrano i figli della medesima mamma.
Ieri sera ho mangiato l'uva liparota,
questa sera esco e ballo con la mia fidanzata.

Racconto inviato da: anonino