POESIE - CAMPANIA
PARLANNO CHIARO
Amara, ma serena riflessione sulla difficoltà e capacità di educazione dei figli. Qui un genitore esprime al proprio figliolo, chiarendone il concetto, alcune remore di carattere morale, comportamentale.
Dialetto: Campania

PARLANNO CHIARO
1.

No, bbellu mio, facenno ‘o paro e ‘o sparo,
te dico ‘a verità stongo avvelito,
pecché – comme t’ hê miso – ‘sta partita
‘mmocca te lassarrà sultanto ‘amaro…

E m’addimanno: songo stato i’ avaro
quanno t’ aggiu spiegato ched’è ‘a vita,
o puramente tu nun hê capito,
te sî cunfuso e ‘o fatto nun t’è cchiaro…?!

I’ te dicette sí d’essere onesto,
‘e nun fa male, de levà ‘accasione…,
ma chesto sulo, sulamente chesto!

Tu ‘mmece, travisanno ‘a lezzione
hê fatta ‘a fine d’’a castagna allessa
E ssî n’evera molla, porpa lessa

Tre vvote bbuono e ffesso
Ca, pure chi nun vo’, se n’apprufitta,
te sporpa e azzuppa e ttu ammucce e zzitto!

2.

E ssantu Ddio d’amore, santu Ddio
chest’è ‘na cosa ca me sbertecella!
Ma n’ommo sî o pure ‘na zetella
crisciuto ‘int’ ‘Abbazzia ‘e santa Sufia?...

Nun spuoste maje cu ‘a vocca e, comme sia,
nun te chiajete ‘o ttuojo, nun faje burdello…
maje ‘nu peccato… e, forze, ‘e ‘na chiantella

nun t’è venuto maje manco ‘o gulio!...

A ll’età ttoja?! E a chi aspiette?! Ma te scite
o vuó durmí pe tutta l’esistenza?...

Si ‘nfino a mmo nun ce simmo capite
i’ mo te parlo senza cchiú prurenza…

Te dico chiaro e tunno: oj ni’ è ‘o mumento
‘e fa ‘nu poco ‘o ‘nzisto e ‘o malamente…

Hê ‘a essere fetente!
E nun avé paura… ‘o Pataterno
sultanto ê fesse… n’’e mmanna all’inferno!



Traduzione in italiano

Parlando chiaramente
Parlando chiaramente
1.
No, bello mio, a ben considerare,
ti dico che in verità sono avvilito,
giacché - secondo come ti stai comportando - questa partita
ti lascerà in bocca solo l'amaro...

E mi chiedo: sono stato io avaro
quando ti ò illustrato che cosa è la vita,
oppure tu non ài compreso,
ti sei confuso
e la faccenda non ti è chiara?

Io ti dissi, sì di essere onesto,
di non far male, di non raccoglier provocazioni...
ma questo solo, solo questo!

Tu invece, travisando la lezione
ài fatto la fine della castagna bollita
E sei (diventato) un'erba molle, polpa lessa,

tre volte buono e fesso
che anche chi non vuole se ne approfitta,
ti spolpa ed inzuppa e tu chini la testa e zittisci!

2.
E sant'Iddio d' amore, santo Iddio
questa è una cosa che mi manda fuori di testa!
Ma sei un uomo oppure una femminuccia
cresciuto nel monastero di santa Sofia?...

Non usi mai un linguaggio scorretto e
non reclami ciò che ti spetta, non fai mai chiasso...
mai un peccato e, forse,

non ti è venuto mai neppure il desiderio di coire...

Alla tua età? E a chi aspetti? Ma ti desti
o vuoi dormir per tutta l'esistenza?...

Se fino ad ora non ci siamo capiti
io adesso ti parlo senza più prudenza

Te lo dico apertamente: ragazzo è il momento
di fare il prepotente ed il cattivo...

Devi esser fetente!
E non temere... Il Padre Eterno
manda all'inferno solo gli sciocchi!

Racconto inviato da: RAFFAELE BRACALE