RACCONTI - LOMBARDIA
Al lugoeur
Nella tradizione contadina lombarda il ramarro è un piccolo rettile conosciuto e molto rispettato. Da ragazzi lo gurdavamo con una certa meraviglia quando questa grande lucertola verde scappava in tutta fretta al nostro avvicinarsi.
Dialetto: Lombardia

Al lugoeur
Al lugoeur l'è na gròssa lusèrda tuta verda, ma 'n po più granda, ca'l sta igliò al sul da la staa, suta i mur u drée a li scési. Al voeul ciapà al sul e scoldàs, parchè cumè i vèrom e li luzèrdi al gh'à 'l sanch frècc.
Voris di che quandu am sera bagàj negugn di mée cumpagn i à mai provàa a ciapàl. A di la verità al lugoeur al sa laga miga ciapà: piutòst se sa'l branca al mòrd,ma l'è miga velenùs.
La gént che i la véd i la varda quasi sempri cu na certa meravéa e da solit i la rispeta.
Ad ogni modu gh'è da dì che sta bestiolina l'è utila: la mangia tancc bòu "malmostos" chi faréss dagn a la campagna.


Traduzione in italiano

Il ramarro
Il ramarro è una grande lucertola tutta verde, ma un po' più grande, che è li ferma al sole dell'estate sutto un muro o lungo una siepe. Vuole prendere il sole e scaldarsi, perché come le bisce e le lucertole è a sangue freddo.
Mi sembra che quando si era ragazzi, nessuno dei miei compagni non ha mai provato ad acchiapparlo. A dire il vero il ramarro non si lascia catturare: se lo si afferra morde, ma non è velenoso.
Chi lo vede, quasi sempre lo guarda con meraviglia e lo rispetta.
Comunque questa bestiola è utile: mangia tanti insetti "fastidiosi" che in campagna farebbero danni.

Racconto inviato da: Giacomo Ganza