POESIE - CALABRIA
Sacciu can zuni e non sacciu cantari
Un furbetto vorrebbe introdursi nel letto di una ragazza.
Dialetto: Calabria

Sacciu can zuni e non sacciu cantari
Sacciu canzuni e non sacciu cantari,
vegnu ndi tia, figghiola, e ti l'ambizzu:
basta mi dassi a mmia curcari
e puru mi mi dassi a mpizzu a mpizzu.
Ch'eu si mi pozzu girari e vutari,
di li pedi cunchiudu allu capizzu,
poi fazzu comu a serpi alli sipali,
chi undi viju pirtusa, ddha m'ampizzu


Traduzione in italiano

Conosco le canzoni ma non so cantare
Conosco canzoni e non so cantare,
vengo da te, ragazza, e te l'insegno:
è sufficiente che tu mi permetta di coricarmi,
anche se mi lasci al margine.
Che se io riesco a girarmi e voltarmi, dalla parte dei piedi finisco al capezzale,
poi mi comporto come le serpi nei cespugli
e dove vedo buchi mi ci ficco.


Racconto inviato da: Anonimo