RACCONTI - CAMPANIA
LL'ACENO 'E GRANO
Spesso le malattie più ostiche da curarsi sono quelle che attengono alla sfera mentale. Il raccontino ne è un classico esempio.
Dialetto: Campania

LL'ACENO 'E GRANO
Ce steva ‘na vota ‘nu spustato ‘e capa ca se penzava d’essere n’aceno ‘e grano e se futteva ‘e paura d’’e ggalline. Allora ‘e pariente ll’afferraino e ‘o ‘nzerraino dint’ a ‘na clinica pe malate ‘e cape addó ‘nu tummulo ‘e prufessure s’’o mettetero sotto, ll’abbuffaino ‘e mmericine e tanto facettero e dicettero fino a che nun ‘o cunvincettero ca iss’era n’ ommo e no n’aceno ‘e grano. Alla fine ‘o pover’ommo nun ce ‘a facette cchiù e dicette ô capaddozzio d’’e prufessure: “M’ avite cunvinto prufessó; è proprio comme dicite vuje, nun è possibbile ca i’ songo n’aceno ‘e grano… i’ so’ n’ommo, n’ommo!”
‘O prufessore: “ Site cuntento, mo? Pigliateve ‘a rrobba vosta e turnatavenne â casa e nun ce penzate cchiù… Jiate, jiate!”
‘O pover’ ommo facette comme ll’avevo ditto ‘o prufessore; arunaje ‘a rrobba soja e se n’ascette d’’’a clinica pe turnarsene â casa.
Ma era appena asciuto ca subbeto turnaje currenno â parte ‘e dinto tremmanno comme a ‘na fronna s’appresentaje a dd’’o capaddozzio.
“Prufessó, prufessó… aiutateme!”
“Pecché, ch’ è stato?”
“Prufessó, i’ ‘o ssaccio ca nun songo n’aceno ‘e grano, ma â gallina ca sta cca ffora ce ll’avite ditto?”



Traduzione in italiano

IL CHICCO DI GRANO
C’era una volta un matto che pensava d’essere un chicco di grano ed aveva paura delle galline.Allora i parenti lo presero e lo ricoverarono in una clinica psichiatrica dove moltissimi medici lo presero in cura, gli somministrarono tantissime medicine, e tanto si applicarono fino a che non lo convinsero che egli era un uomo non un chicco di grano.
Alla fine il poveuomo si stancò e disse al primario:”Mi avete convinto, professore!È proprio come dite voi! Non è possibile che io sia un chicco di grano! Io sono un uomo, un uomo!
Il primario:” E dunque ora siete contento? Raccogliete la vostra roba e tornatevene a casa e non pesanteci più… Andate, andate!”
Il poveuomo fece ciò che gli aveva detto il primario; raccolse la roba sua ed uscì dalla clinica per far ritorno a casa sua.
Ma era appena uscito che subito correndo fece ritorno dentro e tremando come una foglia si presentò dal primario
“Professore, professore aiutatemi!”
“Perché, cosa è successo?”
“Professore, io lo so che non sono un chicco di grano, ma alla gallina che è qui fuori, glielo avete detto?”


Racconto inviato da: Raffaele Bracale