POESIE - CAMPANIA
'E pparole
Anche le parole, come ogni cosa della vita, devono seguire un ordine preciso, altrimenti non sono altro che segni senza significato, senza vita.
Dialetto: Campania

'E pparole
Parole, parole...diciva 'na canzona
'e tantu tiempo fa.
Ma in fondo, che ssò 'e pparole?
Materia senza forma, vacante,
signe senza sienzo ca se sparteno,
s'ammiscano, se 'mbroglieno,
se correno l'una appriess'a l'ata.

Ma si fanno da ponte cu 'a ggente
attuorno,
si fanno penzà 'a sustanza overa
d''a vita,
si scummoglieno suonne, arrecamano
'o ppassato,
pruggettano 'u futuro e fanno addeventà
u desiderio rialtà
suone e signe se jencheno,
se cunzigliano,
s'armunizzeno, cuncertano fra loro
e fanno centro dint'o core.

E accussì, mise 'o posto juste,
addeventeno puesia, museca,
canzona, vita
e, comme 'e prete dint''e mmane
d''o scurtore,
pigliano aria, sciato e forma.
E allora, che sso 'e pparole?
Semprice! Materia viva ca vive cu nnuje.


Traduzione in italiano

Le parole
Parole, parole...cantava una canzone
di alcuni anni addietro.
Ma in fondo, che cosa sono le parole?
Materia senza forma, vuote,
segni senza senso che si dividono,
si mescolano, si confondono,
si rincorrono l'una dietro l'altra.

Ma se fanno da ponte con le persone
intorno,
se fanno pensare alla vera sostanza
della vita,
se scoprono sogni, ricamano
il passato,
progettano il futuro e fanno sì che il desiderio
diventi realtà
suoni e segni si riempiono,
si consigliano,
si armonizzano, concertano fra loro
e fanno centro dentro il cuore.

E così, messe al posto giusto,
diventano poesia, musica,
canzone, vita
e, come le pietre nelle mani
dello scultore,
si animano, respirano e prendono la forma giusta.
E allora, che sono le parole?
Semplice! Materia viva che vive con noi.


Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio di Eboli