POESIE - MARCHE
El maru de dalòngu
La moglie del pescatore,partiva di buon mattino e si recava nelle campagne per barattare il pescato del marito con altri prodotti campagnoli;tornando verso casa,dove aveve lasciato i numerosi figlioli affidati alla maggiore o alle vicine,scorgendo da lontano il riflesso del mare,dimeticava la sua stanchezza ed accelerava il passo per essere al più presto a casa. Dal volume inedito "La 'oce de nonna" ovvero "Donne purtannare"
Dialetto: Marche

El maru de dalòngu
Quannu 'énìu ggiò
da la campagna

cul cariolu,él pesciu
oramai 'éndùtu,

dò fujarelle,
erbetta e 'na galina

pé fa da cena
a 'sse criature mia,

él maru de dalongu
me chiamaa:

'rlucea de sole,
tremaa de calura;

curiu pr'in ggiò
'nte quella strada bianga:

ecca la tora!
Nun me sentiu più stracca!




Traduzione in italiano

Il mare da lontano
Quando ritornavo giù
dalla campagna,

con il mio carrettino,
il pesce ormai venduto,

con qualche verdura,
prezzemolo e una gallina

per fare da cena
alle mie creature,

il mare ,da lontano,
mi chiamava:

splendeva di sole,
tremolava per la calura;

mi affrettavo in discesa
per quella strada bianca:(sterrata)

ecco la torre !
Non mi sentivo più stanca!


Nota:la torre sveva del paese,visibile da lontano.


Racconto inviato da: Novella Torregiani - Porto Rec