RACCONTI - LOMBARDIA
Al vèrom al tetàva la vaca
La credenza che le bisce poppano il latte delle mucche è molto diffusa nelle campagne lombarde e non solo! Ne è una testimonianza questo racconto, da me raccolto qualche anno fa. Gli studi degli erpetologi sembrerebbero smentire questa credenza secolare, che però è dura a morire.
Dialetto: Lombardia

Al vèrom al tetàva la vaca
Quando i era su 'n del mont na famiglia de Vila i ava nutàa che la vaca piu giòvana la continuava a calà 'l lacc.
Quest l'era capitàa vers la metà de Luj an di dì più còlcc. Negugn i capiva al perchè quèla vachìna l'era amò fresca, l'ava facc noma da febrée.
Al past de la sira, quandu i molgèva al
lacc l'èra manimàa la metà dal solit.
An da'n prim moment i a pensàa che la bestia l'era malàda: i gh'à cuntàa fina li remugàdi... ma la vachina l'era viscòla!
Alura quèla famiglia i à decidùu ta tignì d'oeucc la vaca. Che surprésa par al pasturèl!
Quandu l'era foeu a pastura,la vaca la sa metèva da fianch a'n muradèl la continuava a pasturà e 'ntant
an grand veromon negro al rivava, al se faseva su a la gamba de la bestia: e giù
che'l tetàva al lacc dal pècc!




Traduzione in italiano

La biscia tettava la mucca
Quando era all'alpeggio una famiglia di Villa aveva notato che alla mucca più giovane continuava a diminuire il latte.
Questo era capitato verso la metà di luglio, nel momento dei giorni più caldi. Nessuno capiva perché quella giovane mucca, aveva partorito solo a febbraio.
Al momento della mungitura serale il latte era cominque quasi la metà rispetto al solito.
In un primo momento, si pensò che la mucca fosse malata: si contò il numero delle ruminazioni... ma la mucca era vispa.
Allora si decise di tenere d'occhio l'animale. Che sorpresa per il pastorello!
Quando era al pascolo, la mucca si metteva a fianco di un muricciolo e continuava a pascolare e intanto una grossa biscia scura arrivava, si attorcigliava alla gamba della bestia: e giù a poppare il latte dalle mammelle della mucca!


Racconto inviato da: Giacomo