POESIE - MARCHE
Adè , ggiò la marina
Ai primi freddi,la marina perde l'aspetto festoso dell'estate ed assume una nuova atmosfera...
Dialetto: Marche

Adè , ggiò la marina
Adè ch'è freddu,
ggiò per la marina

ghiaccia, 'ngranciulìta
senza umbrellò,

solu ce 'édi
calche girandulò;

de furestieri
nun c'è più gnisciùna.

Tuttu te pare
lumenòsu,grannu;

te fanne cumpagnia
solu i lampiò,

poi giugà
cul cagnolu,cul bastò,

te senti
padrò spòttegu del monnu.

C'è sempre 'na curona
de cucàli

che gola lì de òltra
la battigia

e sbatte l'ale
su la rena bigia

pò stride stride stride
sempre uguale.



Traduzione in italiano

Adesso, lungo la spiaggia
Adesso che fa freddo
lungo la marina,

fredda,tremante,
priva degli ombrelloni,

solo ci vedi
qualche vagabondo;

dei forestieri
non c'è più nessuno.

Tutto ti sembra
luminoso,largo;

ti fanno compagnia
solo i lampioni, (del lungomare)

puoi giocare
con un cane,con un bastone,

ti senti
padrone assoluto del mondo.

C'è sempre una corona
di gabbiani

che vola tutt'intorno
alla battigia

e sbatte le ali
sulla sabbia grigia,

poi stride stride stride
sempre uguale.

Racconto inviato da: Novella Torregiani