POESIE - PUGLIA
Re dòlce nòte
Francesco Palazzo (1920/2000) Il Carabiniere poeta di Bisceglie -BA -
Dialetto: Puglia

Re dòlce nòte
Ind'o pendagrèmme
tra spazie e réghe
stònne nvéle.
Sò sètte sòre dulce
e zembellère,
ca se mèsckene e
s'èmene.
U véinde re spenge,
vònne sìuse e ìuse,
attòcchene u céile,
la lìune e re stèlle,
svèlte,
allégre
e chiane.
Quènne r'accarèzzene
pe senaie e candòie,
fàcene scòrre
lagreme de chendandèzze.
Ci ame la mùseche
nan r'abbandaune,
se re tène vecéne
o còre,
pe regalalle préisce
e amòre.

Francesco Palazzo (1920-2000)


Traduzione in italiano

Le dolci none
Nel pentagramma
tra spazi e righe
stanno in fila.
Sono sette sorelle dolci
e salterine,
che si mischiano e
si amano.
Il vento le spinge,
vanno su e giù,
toccano il cielo,
la luna e le stelle,
veloci,
allegre
e piano.
Quando le accarezzano
per suonare e cantare,
fanno scorrere
lacrime di felicità.
Chi ama la musica
non le abbandona,
se le tiene vicino
al cuore,
per regalargli gioia
e amore.

Racconto inviato da: Antonio Palazzo