POESIE - MARCHE
LA LESCìA
Quando le donne di una volta si dedicavno al bucato,per i bimbi era una vera festa:immersi nel profumo della biancheria lavata,gioivano,giocando,vicino alle mamme o alle nonne.
Dialetto: Marche

LA LESCìA
Ell'acqua bullìa
'ntra la cenigia chiara;
i pagni,sotta,
èrene tutti pronti;
nonna li smuginàa
cu' la cucchiàra
e la lescìa sbiangàa
'ssi pagni 'onti.
Era 'na festa
se se gambiaa i lenzòli:
l'udore de pulitu
rempìa la casa;
strillami allegri
tutti no' fijoli
e po'..giò la marina
pe' la spasa.
Erene bianghi
cume 'ssi cucàli
i pagni stati
lì,'ntra la lescìa;
bianghi cuscì
nun ce n'era uguali
i pagni che rlàaa
nonna mia.


Traduzione in italiano

Il bucato
L'acqua ribolliva
tra la cenere chiara;
i panni,sotto,
erano tutti pronti;
la nonna rimestava
con il cucchiaione (di legno)
e il bucato sbiancava
la biancheria.
Era una festa
se si lavavano lenzuola:
il profumo di pulito
riempiva la casa;
strillavamo allegri
tutti noi bambini,
e poi... giù per la marina a stendere.
Erano bianchi
come ali di gabbiano
i panni restati
lì,sotto acqua e cenere:
bianchi così
non ce n'erano uguali
i panni che lavava
la nonna mia.

Racconto inviato da: Novella