RACCONTI - LOMBARDIA
Al fantasma dal Capelùt
Uno dei tanti fantasmi che frequentavano, secondo, la tradizione popolare i comuni di Lombardia. Del Capelùt però non se ne parla più. I fantasmi sono stati cancellati. Rimangono solo nei paesi dell'Europa del Nord.
Dialetto: Lombardia

Al fantasma dal Capelùt
El Capelùt l'è 'n vècc fantasma ca'l buliga sura 'l dòss da Sa Jàcum an pòst adèss an po' sulench dal comun de Vila de Tiràn.
Su 'n da sto dòss gh'èra 'n castèl, proprietà di Lamberténch, ch'à l'è stacc brusàa an di ultim agn dal 1400.
Su'l pòst adèss l'è restàa sul na gesìna
medievala, sempri serada: la gésa de Sa Jàcum, ca l'èra la gésa dal castèl.
L'è propi ilò antòran a sta gésa ca'l gira an fantasma chi ga diss "al Capelùt". Tancc Muscianèi* i cuntava da vèl veduu: segond lur l'èra an grand urscelàsc gris ca'l faseva di lungh gir propi sura 'l doss et poeu dopu an poo al spariva tut an da'n colp.
Ma chi era-l sto Capelùt? Tancc i disèva
na anima danada ca'l duveva scuntà na péna par l'eternità.

* Muscianèi: i abitant da la cuntrada visina, Musciàn.




Traduzione in italiano

Il fantasma del Capelùt
Il "Capelut" è un vecchio fantasma che frequenta la rocca di San Giacomo, un luogo ora un po' solitario del comune di Villa di Tirano (So).
Su questa rocca c'era un castello, proprietà dei Lambertenghi, bruciato negli ultimi anni del 1400.
Sul posto adesso è rimasta una chiesetta medievale, sempre chiusa, la chiesa di San Giacomo, che era la chiesa del castello.
E' proprio lì, attorno alla chiesa, che si aggira il fantasma chiamato "el Capelut".
Tanti Muscianèi* sostenevano di averlo visto: secondo loro, era un grande uccellaccio grigio che volteggiava sopra la rocca per un po' poi spariva di colpo.
Ma chi era questo Capelut?
Secondo molti, un'anima dannata che doveva scontare una pena per l'eternità.

Muscianèi abitanti della contrada di Musciano, poco sopra San Giacomo.

Racconto inviato da: Giacomo