POESIE - LAZIO
Mamma

Dialetto: Lazio

Mamma
Quanno la notte scenne, ner mio letto,
prima d'abbandonamme ar cheto incanto,
mamma te penzo e ner penzatte un pianto
esce salenno dar profonno petto.

E m'aricordo che tutte le sere
venivi accanto ar letto e dorce, piano,
giungevi con amore le mií mano
e assieme a me dicevi le preghiere

Come 'na vorta, o ma', sempre t'aspetto
inzino a che m'addormo e a l'orizzonte
sogno che torni che me baci in fronte,
preghi co' me e m'arimbocchi er letto.


Traduzione in italiano

Mamma
Quando si fa notte, nel mio letto,
prima di cadere al quieto incanto,
mamma ti penso e nel pensarti un pianto
esce salendo dal profondo petto.

E mi ricordo che tutte le sere
venivi accanto al letto e dolcemente
giungevi le mie mani cordialmente
e insieme dicevamo le preghiere.

Come una volta io sempre t'aspetto
fino a che m'addormento e a l'orizzonte
sogno che torni, che mi baci in fronte,
preghi con me e mi rimbocchi il letto.

Racconto inviato da: Pasquino da Todi