POESIE - LIGURIA
In te na vegia campagna
campagna=campagna, ma spesso diventa sinonimo di "paese di campagna".
Dialetto: Liguria

In te na vegia campagna
Scibben che son nasciua creatûa de mâ
da figgieua e me vacanze e passêia
in ta vegia campagna de mæ nonna.
O pàize o l’ea piccin e reparou da o mondo
da in sciûmme grande e da arte montagne:
l’ea da vèi comme in teatro, e mi ghe reçiteia.
L’ean stôie che lezêia in ti me libbri.
l’ean stôie inventè proprio da mi,
pe anni me son bastà e i atri figgeu
a comme l’ean manco ghe pensêia:
gh’ea mæ fræ ch’o no l’ea sempre
in gran battuso, e mi ghe vôia in ben…
Poi, mæ moæ a m’a portou, in bëllo giorno,
(in po’ pe’forza, ma curiosa)
a conosce i ciù zueni di zueni du paise.
E l’ean simpatici, pronti a ciacciarâ,
a ascoltâ da muxica, a cantâ,
m’an insegnou a ballâ tûtti insemme
e da vegnì grandi son passè i anni …
Manco ghe son ciù tûtti, a manche lè
che no gh’è ciù da quande mi son moæ.
Ma o pàize gh’è ancon,
in co i só sentë piccininn-i,
comme quande l’ea pin de zii, de zie,
e de cuxinn-i.







Traduzione in italiano

In un antico borgo
Benché creatura di mare io sia nata
passavo da bambina le vacanze
nella vecchia campagna di mia nonna.
Piccino era il paese, riparato dal mondo
da un fiume grande e da alte montagne:
era un vero teatro, e io vi recitavo.
Eran storie che leggevo nei miei libri
eran storie inventate da me sola,
per anni mi bastai e ad altri bimbi
a com’erano, neppure pensavo:
mio fratello c’era, che sempre non era
un gran monello, ed io l’amavo tanto…
Poi mamma m’ha portato un bel giorno
(un po’ per forza, ma curiosa)
a conoscere i più giovani ragazzi del paese.
Eran simpatici, pronti a chiacchierare,
ad ascoltare musica, a cantare,
m’han insegnato a ballar tutti insieme
e tanto da esser grandi son passati gli anni …
Neppur ci son più tutti, manca lei,
che non c’è più da quand’io son mamma.
Ma il paese c’è ancora,
coi suoi sentieri piccolini,
come quand’era pieno di zii, di zie,
e di cugini.






Racconto inviato da: Laila Cresta