POESIE - SICILIA
PAGGHIAZZU
Questa poesia l'ho scritta perchè il Pagliaccio o Clown è il personaggio che meglio si addice ai miei attuali momenti. Pur se la sua maschera fa ridere o divertire ciò che nasconde sotto ben pochi lo sanno, lo sa il suo cuore che in questo momento si strugge nel suo dolore.
Dialetto: Sicilia

PAGGHIAZZU
Scusciu e vuci nesciunu ra platea
E ju ca, sugnu ‘misiru pagghiazzu.
Potti apetti, scusciu ri manu, risati can un finiscine mai.
Ma ,‘u me luluri!, cu ci penza ‘o me luluri!?
Ospiti, ca ma ratu sta sirata…
‘Na casa fatta ri tavuli, unni nudda ciavi è nicissaria
‘pi rapirie, filici sbattunu i venti re quattro stagjuni.
Pagghiazzu!, Ju1,
mi isu supa i muntagli ri stu munnu, e lassu ogni sira…
letti r’amici liggennu ‘nti ogni creatura:
“ ‘A presenza ri Diu”
………………………
‘Cagghia pisci, ca ti ni stai rarreri na quinta, cumminta r’arrivari n’ta
autri Cresii: ‘A me gloria…nun avi senzu.
E scappu re Santi ri l’altari!
…Ca sugnu, amicu, mi viri!
…T’arriordi!, quannu ancora vivu, contenta ‘a rina ‘nte sicci
ammusciavanu: “Privulazzu, sulu privulazzu”
Oj, na padedda ri rocca ma’rristatu luata cu forza ro funtali
E, l’amuri, comu funnutu – ‘Npuema – ro nenti voli criari.
Scinni na pocu ri fumu supa ‘u me Pagghiazzu Cori.
E, vogghiu l’aria nura ri ‘ncrisantemu ca sa trova luntanu.
Comu ‘u cavalieri ro numiru spiciali ‘nta ‘ncircu.
Ti cogghiu e t’appoju ‘nterra. Tra Sacri scritturi: La sorti.
E, ricu o ventu: Camina, potta luntanu st’omminu, ca poi… nun è omminu,
pirchì mancu a so faccia vi po fari abbirriri…Amici ro pubblicu.
E, se ‘ngnornu occarunu ri vujautriviri caracozzi longu i spiaggi cugghitili,
forsi , unu aviss’assiri ‘u miue, putiti riri:
Arma ca ta misu ‘nto menzu sta sira
Portiti i cosi tinti ca voi ‘nto Spiritu
Lassa sul una prijera:
AMURI & MOTTI.
…………………………….
Eccu, viri sugnu ca ca cantu,
eccu, viri sugnu ca c’abballu,
eccu, viri sugnu ca ca riru supa l’orlu rin ‘nfunnutu.
E, ‘e muntagli ‘ntuppati ri nivi tra scusciu ri ventu jettu vuci:
Ti canusvciu ?Ddau! Ti canusciu luluri!
E tu mi rispunnichi ‘bboi ri mia nun ti paru buffoni!?,
se…’a to ucca nun campa, pirchì friddu addimanna ravanti a potta
ri ‘Ntiattru ranni: ‘A sorti.
Principi e genti misira
Si!, si!, si!,…va ‘bbeni!..., aviti arraggiuni
………………………………..
(strana notti unni si perdunu stiddi e cristiani ca caminunu)
………………………………
‘Cà si, spunna sbagghiata ri na riva nova,
la bagascia maschira ro luluri riri spugghiata ri ogni attaccatine umana.
………………………………
E, ‘ngnornu se occarunu ri vujautri ‘ncontra caracozzilomgu i spiaggi
Cugghitili, forsi una è ‘a mia e putiti riri:
Veccia carcassa ri vati e pagghiazzu ca dumannari putisti ranni errori
Supa lastri ri rina e, vasari l’alba supa rivi e scogghia
Vagnati cul’acqui cilesti ri’nlagu è seculari
Mumenti ri ‘passatu.
………………………………
Scheletri assettati, scheletri!...ririti!
Ju agghiu vistu, ma vujautri ,No.
Vujautri nun aviti ‘u dirittu ri babbiari ‘u ciriveddu ri ‘n’omminu ca si senti ri riri
Puru e u linguaggi uri chisti fimmini AMURI e MOTTI,
ma, sulu ‘u missaggi uri n’omminu senza faccia po’, stranieru ‘nto Paisi
rari tra diserti lidi , ‘u risbigghiari ri …
CINNIRI E CUNTA.


Traduzione in italiano

PAGLIACCIO
Chiassosi frastuoni provengono dalla platea
ed Io, qui, sono… un misero pagliaccio.
Porte aperte, battiti di mano, risate a non finire.
Ma, il mio dolore!, chi osa, chi osa!, pensare al mio dolore!?
Ospite, che mi hai dato questa sera…
Una casa fatta di tavole, dove nessuna chiave è necessaria
per aprire e, felici battono i venti delle quattro stagioni.
Pagliaccio!, Io!,
mi innalzo sui colli di questo mondo e lascio ogni sera …
letti di amici leggendo in ogni creatura :
“ La presenza di Dio”
…………………………
Esca, che te ne stai dietro una quinta, certa di approdare in
altri templi: La mia gloria è… vana
E fuggo Santi dagli altari!
…Eccomi, amico, mi vedi!
…Ti ricordi!, quando ancora in vita, gioiose le sabbie colme in secchi
mostravano: “Polvere, solo polvere”
Oggi, una conchiglia m’è rimasta strappata con forza dal fondale
E l’amore, come abisso - Un Poema – dal nulla vuol creare.
Scende una coltre di fumo questa sera sul mio Pagliaccio Cuore.
E, bramo l’aria nuda di un crisantemo in esilio.
Come il cavaliere dal numero elettrizzante in un circo
Ti raccolgo e ti depongo. Fra Sacre Scritture.: La Sorte.
E, dico al vento: Va, porta lontano quest’uomo, che poi… non è uomo,
perché nemmeno il suo volto può mostrare a voi….Amico pubblico.
E, un giorno se qualcuno di voi incontrerà crani lungo spiagge li raccolga,
forse, uno sarà il mio e, dir potrete:
Anima intrusa questa sera
Portati la pestilenza che vuoi nel tuo Spirito
Lascia solo una preghiera:
AMORE & MORTE.
…………………………………
Ecco, vedi, son qui che canto,
ecco, vedi, son qui che ballo,
ecco, vedi, son qui che rido sull’orlo di un burrone.
E, ai nevosi monti tra sibili di vento, grido:
Ti conosco mostro!Ti conosco dolore!
E tu, mi rispondi che vuoi da me forse non sono buffo!?,
se…il tuo labbro non vive, perché gelido mendica sulla soglia
di un grande Teatro : La sorte.
Principi e plebei
Si!, si!, si!,….va bene!...,avete ragione
…………………………………
(strana notte dove si smarriscono costellazioni e viandanti)
…………………………………
Eccoti, errata sponda di una nuova riva,
la cortigiana maschera del dolore ride spoglia da ogni legame umano.
………………………………
E, un giorno se qualcuno di voi incontrerà crani lungo spiagge
Li raccolga, forse, uno sarà il mio e dir potrete:
Vecchia carcassa di vate e pagliaccio che mendicare potesti grandi errori
Su lastre di sabbia e, baciare l’alba su rive e scogliere
Bagnati con le acque azzurrine di un lago ai secolari
Momenti di un passato.
……………………………
Scheletri seduti, scheletri!…ridete!
Io , ho visto ma voi, Nò
Voi, non avete il diritto di ridicolizzare il cervello di un uomo che osa affermare:
Puro è il linguaggio di queste donne AMORE e MORTE,
ma, solo il messaggio di un uomo senza volto può, straniero nella Patria
donare tra deserti lidi, il risvegliar di…
CENERE e MITI.

Racconto inviato da: Paolo Campisi