RACCONTI - SARDEGNA
"Troni" chen'azzinni
I racconti di Lucio Pirodda
Dialetto: Sardegna

"Troni" chen'azzinni
Più di zent’anni fa v’erani una preda di dimòni ch’andaani trisgi-pilisgi pà li cussoggj di la Gaddura.
E dagh’erani un aizeddu mattagni e puru suzzi meda, palch’erani nieddi comme la piza, la gjenti fesi di tuttu pà bugazzilli.
Ma e né punendi , illi loghi undi passaani, la trìbbita a franchi ‘n su, né appicchendi curoni d’azu, né ingruziend’a pari falzi cu li folbizi e nemmancu cu l’ea santa e né spagliendi sali grossu…non vi stesi nulla di fà.
Tuttu chissu no li fazìa mancu la gratta e no si nì ’ulìan ’andà.
Però li dimòni disin’a umbè chi si ni saristini andati solu si a calcunu li saristia arrisciut’a fà alumancu una cosa di tuttu lu chi sapìani fà iddi e a iddi no li distia arriscì a fà alumancu un calche cosa chi l’aristini dittu di fà.
Ma a li dimòni l’arriscìa a fà di tutti li maraìgli: laurà a manu , inn una notti, tutti li tanchi di la Gaddura cu un corru di beccu pà aratu, fa pisà un ventu bulioni in un battì d’occi, pusassi innant’a la trìbbita cu lu fogu sutta chena brusgiassi, culcassi cu unu rizzu di maccia a capitali, fà caaddà lu mari cu li caaddati a lu riessu, fà piuì chena neuli e fa trunà chen’azzinni a zelu sciaratu…
Cosi chi a nisciun’ altu l’arriscìa a fà.
Ma una bedda dì fesini pari cun dui burrulantoni chi disin’ a li dimòni:
“Alumancu una cosa di lu chi feti ’oi a noi z’arresci a fà e alumancu una cosa di lu chi vi dimmu noi a voi no v’arresci a fà.”
“E prueti a fà e a dì “, rispundisini li dimòni.
“ A noi z’arresci a fà trunà chen’azzinni in zurrata sciarata comm’è oggj” disini chiddi.
“ E tandu cuminzeti si v’arresci !” disini li dimòni “ e dapoi ditizi cos’emmu di fà chi a noi no z’arresci commu diti ’oi”.
Chiddi dui, chi a vustà s’aìani fattu una ticcina d’un caldari mannu di fasgiolu e d’un saccu di cariga, cuminzesin’ a trunaglita e unu disi a li dimòni :
“ ’eti ’istu ch’emmu fattu trunà chen’azzinni a zurrata bona? E abali chisti troni tingjtimill’a
irruiu.”
E l’altu a li dimòni li disi : “ E chist’alti troni piddetili e punitili illi beltuli ’ostri e pultetiilli !”
E li dimòni , da chi si sò visti burrulati, n’aisini lu cavanili e no pudendil’ arriscì e né a tingj’ e né a piddà li troni sinn’andesini intrinighittati.
E da la dì no si sò più siriati pà li cussoggj di la Gaddura.


Traduzione in italiano

"Tuoni" senza fulmini
Più di cento anni fa vi era una orda di demòni che andava vagabondando per le contrade della Gallura.
E datosi che erano un pochino cattivi ed anche assai brutti, poiché erano neri come la pece, la gente fece di tutto per cacciarli via.
Ma né mettendo, nei luoghi dove passavano, il treppiedi girato all’insù, né appendendo corone d’aglio, né incrociando insieme delle falci con delle forbici e nemmeno con l’acqua santa, né spargendo sale grosso… vi fu nulla da fare.
Tutto questo non gli faceva nemmeno il prurito e non se ne volevano andare.
Però i demoni dissero a molti che se ne sarebbero andati solo se qualcuno riusciva a fare almeno una cosa di tutto quello che loro sapevano fare e a loro non gli fosse riuscito di fare almeno una cosa che gli avessero detto.
Ai demoni gli riusciva a fare di tutte le meraviglie: arare a mano, in una notte, tutti i terreni chiusi della Gallura con un corno di capro per aratro, fare alzare un turbine di vento in un batter d’occhio, sedersi sopra il treppiede con il fuoco sotto senza bruciarsi, coricarsi con un riccio di macchia per cuscino, far agitare il mare con le onde alla rovescia, far piovere senza nuvole e far tuonare senza fulmini a ciel sereno.
Cose che nessun altro riusciva a fare.
Ma un bel giorno si incontrarono con due burloni, che dissero ai demoni:
“Almeno una cosa di quello che voi fate noi siamo capaci a compiere e almeno una cosa di quello che vi diciamo noi voi non riuscite a fare”
“E provate a fare e a dire” risposero i demoni.
“Noi riusciamo a far tuonare senza fulmini in una giornata chiara come è oggi“ dissero quelli.
“E allora cominciate se ne siete capaci!” dissero i demoni “e poi diteci cosa dobbiamo fare che a noi non riesca come dite voi.”
Quei due, che a pranzo si erano satollati con una marmitta grossa di fagioli e un sacco di fichi secchi, cominciarono a tuoneggiare e uno disse ai diavoli:
“Avete visto che abbiamo fatto tuonare senza fulmini in una buona giornata? E adesso questi tuoni dipingetemeli di rosso.”
E l’altro ai demoni gli disse: “e questi altri tuoni prendeteli e metteteli nelle vostre bisacce e portateveli via!”
E i demoni, vistisi burlati, ne ebbero vergogna e non potendogli riuscire né a dipingere di rosso né a prendere i tuoni se ne andarono in malo modo.
E da quel giorno non si sono più visti in giro per le contrade della Gallura.

Racconto inviato da: Lucio Pirodda