POESIE - LIGURIA
Séia de stæ

Dialetto: Liguria

Séia de stæ
O sô o sguggia derrë all’orizzonte,
ven viola o çe e alluveghïo o mâ,
tutti i öchin se son zà andæti a asconde:
tïo i remmi in barca a-a fin da mæ giornâ.

Poese comme i öchin tornâ a-o nïo!
a o ciæo do faro comme fa o mainâ!
ma o cheu sperso o continoa a amiäse in gïo
sensa vedde un portixeu dove attraccâ;

e o sta a scorrî e pegoëte de nuvie,
con o vento o s’arrubatta in te vallæ,
in sce l’erba che a l’aspëta a rosâ da neutte
o vorriæ gosse de parolle pe a seu sæ.

Da chi a’n pö s’aççendian e primme stelle,
i rattipennughi comensian a zeuâ,
a lampezzâ i lumetti de ciaebelle,
i gatti in amô se mettian a rägnâ;

e intanto me dindann-o in ti ricordi,
e da i seunni me lascio rebellâ via
co-a vëia isâ de questa mæ tristessa
insciâ da o vento da malinconia.

I reciocchi lenti e tristi de ‘na campann-a
me franzan in to cheu comme de ondæ:
me arrecuvio in ta paxe da seiann-a
ch’a me ninn-a comme e braççe de ‘na moæ.

Dialetto Genovese


Traduzione in italiano

Sera d'estate
Il sole scivola dietro l’orizzonte,
diventa viola il cielo e incupisce il mare,
tutti i gabbiani si sono già andati a nascondere
tiro i remi in barca, alla fine della mia giornata.

Potessi come i gabbiani tornare al nido!
alla luce del faro come fa il marinaio!
ma il cuore sperduto continua a guardarsi intorno
senza vedere un porticciolo dove attraccare;

e sta a rincorrere pecorelle di nubi,
con il vento si rotola nelle vallate,
sull’erba che aspetta la rugiada della notte
vorrebbe gocce di parole per la sua sete.

Tra poco si accenderanno le prime stelle,
i pipistrelli cominceranno a volare,
a lampeggiare i lumicini delle lucciole,
i gatti in amore si metteranno a miagolare;

e intanto io mi dondolo nei ricordi,
e dai sogni mi lascio trascinare via
con la vela alzata di questa mia tristezza
gonfiata dal vento della malinconia.

I rintocchi lenti e tristi di una campana
mi frangono nel cuore come delle ondate:
mi rincuoro nella pace della serata
che mi culla come le braccia di una madre.


Racconto inviato da: Alba Toscanini