RACCONTI - SARDEGNA
Una faula manna
I racconti di Lucio Pirodda
Dialetto: Sardegna

Una faula manna
Unu faulaggju meda una ‘olta “ha budditu” una faula manna:
“turrendiziss’a casa l’hani puntu un’abba e una ‘espa avvittiati, chi s’erani inghirriend’a pari.
Ma no s’è assuccunat’abbeddu e ha continuat’a andà e candu no n’era fendi più contu , dugna tantu, intindìa trà-trà e una frùscita .
E cosa diesse dizìa pinsamintendi.
Dapoi d’un gjettu s’è avvistu ch’erani li matrappelli di la cammisgia chi zi scìani inn aria comme pilotti palchì chiddi punturi si li sò dat’a ‘unfiazzona.
Chena dalli trinchittu si li sò strippati la zintula e li calzoni e si li sò fiaccati tene li curii e li botti.
L’alchìli si li sò fatti cant’e dui trunchi grossi di nibbaru casali, li brazzi cant’e dui rammi di chissoni e li pedi cant’e dui ciaccari d’addastru.
E si l’è fattu un trimpagnoni di stampanariu contrubbali, più mannu d’una rota di carrulu .
E lu capu cant’e una sindria manna chi no nì ‘scìa più lu cappeddu.
A chi a casa tra mazza e tuttu z’era cant’e una luscia.
Pà barrà l’ ‘unfiazzona z’è intratu inn una cupa manna piena d’ea frisca e da chi continuaa a imbuffà s’è inciassatu ‘ndrentu tene chi s’è chiprata.
E tandu s’è “inciaittatu” inn una conca e da chi la rocca era tosta chissa no s’è spaccata. E dapoi d’un mesi e una chita n’è isciutu schintatu comme primma”
Proppiu una faula manna.





Traduzione in italiano

Una bugia grande
Un tale assai bugiardo una volta “ha bollito” una bugia grande:
“ facendo rientro a casa è stato punto da una ape e da una vespa adirate, che litigavano fra di loro.
Ma non si è spaventato molto e ha continuato ad andare e quando non vi stava più pensando, ogni tanto, sentiva trà-trà ed un sibilo.
E cosa sarà diceva tra sé.
Dopo un tratto si è accorto che erano i bottoni della camicia che schizzavano in aria come proiettili poiché quelle punture gli avevano causato del gonfiore.
Senza dargli tregua di tempo gli si sono strappati la cintura e i pantaloni e gli si sono rotte persino le stringhe e le scarpe.
Le gambe gli si sono fatte quanto due tronchi grossi di ginepro secolare, le braccia quanto due rami di un grosso lentisco e i piedi come due grandi radici di olivastro.
E gli si è fatto un enorme fondoschiena, più grande di una ruota di carro.
E la testa quanto una grossa anguria tanto che non ne usciva più il cappello.
Giunto a casa tra pancia e tutto era grosso come un grande contenitore per il grano.
Per fermare il gonfiore è entrato in una grossa botte piena di acqua fresca e datosi che continuava a gonfiarsi si è incastrato dentro fintanto che si è rotta.
E allora si è “chiuso a chiave” in una grotta e poiché la roccia era dura questa non si è spaccata.
E dopo un mese ed una settimana ne è uscito con la vita snella come prima.”
Proprio una bugia grande.


Racconto inviato da: Lucio Pirodda