POESIE - CAMPANIA
U pparlà semprice
Stordire, togliere a ciascuno di noi, utilizzando paroloni e facendo accavallare le voci nelle discussioni dei salotti televisivi, la libertà di pensare in maniera autonoma è oggi la prerogativa e il punto fermo dei cosiddetti "dottori della parola".
Dialetto: Campania

U pparlà semprice
Chelli chiacchiere, chilli raggiunamiente
c’â vvoce grossa, int’ê “salotti televisivi”,
s’accavalleno l’uno ncopp’â l’ate
m’affuscano ‘a mente,
azzeffonneno pure chilli quatte penziere mieje
ca cu ffatica aggia mise ‘nzieme.

Ma oramai ‘a moda è chesta e strummetteja
‘e quatte viente chest’ausanza nova.
Ma a cche serve, m’addummanno,
sta mess’in scena
si nisciune nce raccapezze niente?

Eppure, ‘na vota u pparlà era cchiù assignato,
cchiù aggarbato e agnarune cercava
‘e spiecà ‘o pensiero suojo
c’â forza d’â persuasione.
Te priava ‘o core!

Mannaggia a me, che scapucchione!
Eccome si aggi’afferrato u marchingegno!
Tutto è pusitivamente sistemato
pe nce sturdìsce, pe nce abbabbulià,
pe nce levà pure chell’aceno ‘e libertà
ca, pe cunto nuosto,
nce permette d’arraggiunà.



Traduzione in italiano

Il parlar semplice
Quelle chiacchiere, quei ragionamenti
che con voce grossa, nei “salotti televisivi”,
si accavallano l’uno sull’altro
mi offuscano la mente,
fanno sprofondare anche quei quattro pensieri
che con fatica ho messo insieme.

Ma oramai la moda è questa e strombetta
ai quattro venti quest’usanza nuova.
Ma a che serve, mi domando,
questa messa in scena
se nessuno ci si raccapezza?

Eppure, una volta si discorreva in modo ordinato,
garbato e ognuno cercava
di spiegare il suo pensiero
con la forza del convincimento.
Ti si rallegrava il cuore!

Che stolto che sono, sono proprio un testone!
Eccome se ho afferrato l’espediente!
Tutto è bellamente organizzato
per stordirci, per ingannarci,
per toglierci anche quell’acino di libertà
che, per conto nostro,
ci permette di ragionare.


Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio