RACCONTI - CAMPANIA
Na faula reale
La vita non sempre offre quello che si desidera, ma si vive bene se, pur aspirando a una vita migliore e impegnandosi per modificare la propria condizione economica, si è consapevoli dei propri limiti e per questo si prendono le cose con filosofica allegrezza.
Dialetto: Campania

Na faula reale
Cera na vota e nc'era.
Chesta è na faula reale e parla e cose riale.
Abbecino a casa e mamma, stive e casa nommene ca pe campà a famiglia ive giranno sempe a ppère, pu paese nuosto eppure cchiù luntano, vennenno inta panàra na puteja e mercanzia: spingule frangese, molle pi mutande, ache, rucchette e cuttone, ciappe, ciappette, traversino e tutte chelle ca putive serve a na femmena e casa pe cose o pe rinaccià. Po, papparà a pagnotta arrunnava o grano e scarto do pastificio e don Luigi Pezzullo, o lavava into curso da Turretta, o faciva asciugà e o ddava e cuniglie. Nu tanfo e morte se spanniva pe llaria, ma vuje me ricìte, embè che ncè di strano? Quanno a vita è addura assaje e nun nce stanno e mezze pe campà nun dico da signure ma almeno senza tante stiente, agnarune sarrangia come po e sceglie o mestiere ca sape fa o ca pote fa; chisto è o destino sujo. Penzate ca nun teniva manco lacqua dinta a casa e pe lavà ncera o curso do mulino cu i pprete pe strecà. Chello ca però ve voglio di è ca si pure campava e fatica e sacrifici, come a tante, o roppe mangiate, appicciava o crammofono, chillo cu a tromba ca parive nu giglio e cu a corda a manuvella e tutte e ccanzone, antiche e muderne, chi nun e vuliva sente nun e sentiva. Era nu spasso pe tutto o cuntuorno.
Ma a chille tiempe nun era sule maste Luiggi, chisto era o nome e stu signore, ca stringive i riente; i tiempe erano dure pe tutte, eccezion fatta pi gransignure.
Inte ccase, sòrde ne giravano poche e pure chi a fine do mese pigliava na pruverenza, accattava tutto a libbretta. Veramente, era come si se pagasse o mangià a rate, sule ca u cunto nun ferniva mai. Quanta ricuorde venene a galla da stu puzzo prufunno ca è 'a memoria! Nce vole sulo nu poco 'e pacienzia e... aggiate pacienzia, a ppoco a ppoco ve conto cose 'e tantu tiempo fa!




Traduzione in italiano

Una favola reale
C'era una volta...
Questa è una favola reale che parla di cose reali.
Accanto alla casa di mia madre viveva un uomo che, per soddisfare le necessità della moglie e dei suoi due figli, girava a piedi il suo paese e quelli limitrofi, per vendere oggetti di merceria con la sua cesta di vimini: spilli di sicurezza, elastico per biancheria intima, aghi, cotone, fermagli e ganci e quanto poteva servire alle donne di casa per cucire o per piccoli rattoppi. Poi, per arrotondare il magro guadagno, raccoglieva il grano di scarto dal pastificio locale di don Luigi Pezzullo, lo lavava nel corso d'acqua del mulino vicino (dal momento che non aveva nemmeno l'acqua in casa) e lo dava in pasto ai conigli che allevava nel sottoscala della sua casa. Non c'era da meravigliarsi se si spandeva nell'aria un odore sgradevole, a volte decisamente insopportabile, ma quando la vita è dura e non offre altri mezzi per campare ognuno si arrangia come può. Ma quello che voglio dire è che se pure mastro Luigi, questo era il suo nome, viveva di stenti e sacrifici, non mancava mai di accendere il suo grammofono, quello con la tromba a giglio e con la corda a manovella, e rallegrava tutto il vicinato con canzoni antiche e moderne.
Ma a quei tempi mastro Luigi non era il solo a stringere i denti, perché le difficoltà erano alla portata di tutti, eccezion fatta per i gransignori. Nelle case soldi ne giravano pochi e anche chi alla fine del mese prendeva un po' di "provvidenza", comprava tutto a "libretta" (il quadernetto dove si segnava la spesa quotidiana e quello che si dava e si doveva al negoziante). Era come se si pagasse a rate la roba da mangiare, con la sola differenza che il conto non finiva mai.
Quanti ricordi vengono a galla dal pozzo profondo della memoria! Ci vuole solo un po' di pazienza e... abbiate pazienza, a poco a poco vi racconterò la vita di tanto tempo fa!

Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio