POESIE - SICILIA
Quannu mori 'npueta
A quanti mi conobbero e forse, chissà, provarono pietà dedico...
Dialetto: Sicilia

Quannu mori 'npueta
Allegghiu, allegghiu minni vaju
Magari pirchì sacciu ri nun essiri vulutu ‘bbeni.
Chi fazzu ‘nti sta terra ri lupi e di sciacaddi?
Unni tutti cercunu ri mangiarimi.Sulu mi sentu e ‘nnammuratu
Ri na fimmina can un ci né i stissi
Ca quannu veni ‘pi fari l’amuri ‘ccuttia
Ti runa…na rosa niura
Bedda comu ‘u cori ri cu’ ammazzau l’amuri
Nun su jorna i jorna ca ju passu
‘nta sta terra cummigghiata ri l’asfalti
unni ‘a strata si rumpi ‘nto salutari
ri luluri e fuddia ca nenti leggi a menti mia
Ora ca chidda ca ju vulia ‘bbeni sinni iuu
Addumanneri ‘u cori cammina ‘nta strata
Nenti ‘cciui cunta e sonna ma ri…
Cosi sfasciati e pietati.
Vulissi anticipari ‘u tempu ra ciamata
Ma ‘allegghiu ‘allegghiu minni vaju.



Traduzione in italiano

In morte di un vate
Lentamente me ne vado
Anche perché so di non essere amato.
Che faccio in questa terra di lupi e di sciacalli?
Dove tutti cercano di sbranarti. Solo mi sento e innamorato
Di una donna senza eguali
Che quando viene in un amplesso d’amore
ti dona …una rosa nera
scarlatta come il cuore di chi uccise l’amore.
Non son giorni i giorni ch’io passo
Su questa terra coperta dagli asfalti
Dove il sentier si spezza in soprassalti
Di dolore e pazzia che nulla legge la mente mia.
Or che colei che amavo se ne è andata
Mentecatto il cuore percorre una strada
Non più di favole e sogni ma di…
Disfacimento e pietà.
Vorrei anticipare il tempo della chiamata
Ma lentamente me ne vado.

Racconto inviato da: Paolo Campisi