RACCONTI - FRIULI VENEZIA GIULIA
La storia de una carega
E' un racconto brillante del grandissimo comico triestino: Angelo Cecchelin (Ts1894-To1964). Era magro, piedi lunghi e bocca larga. In scena portava spesso il naso finto, rosso.
Dialetto: Friuli Venezia Giulia

La storia de una carega
Trenta anni indrio, de una grega,
mia mama comprado ga questa carega.
De schenal solido e de gambe bone
la ghe ga dà tre o quatro corone.
Quando mia mama la gà 'verto botega,son vignù a mondo su questa carega.
Zogatolavo, pianzevo, ridevo
e qualche volta qualcossa spandevo.
Su 'sta carega e senza cossienza
robavo el zuchero che iera in credenza.
Su 'sta carega quante zigade
quando mio pare me dava lignade.
Su 'sta carega a uso de tola
fazevo i compiti co 'ndavo a scola.
A tredise ani su questa carega
batevo el martel e dopravo la sega.
Co' 'sta carega un giorno de festa
a quatro mati go roto la testa.
E quante volte, sentà e zito zito,
spetava el paron che ghe pago l'afito.
Xe passà i tempi, xe passà i ani,
xe passà guere, disgrazie e malani.
Austria e Germania xe bel che "capute",
ma 'sta carega xe sempre in salute.
Su 'sta carega per puro caso
a la mia mula go dà el primo baso.
E 'sta carega, cascà per indrio,
xe sta la causa del primo mio fio.
E, dela baba, 'pena sposado,
co 'sta carega son sta' caregato,
perchè imbriago urtada in tal modo
go ribaltà la pignata co' 'l brodo.
Xe passà i ani, xe passà i estri
e xe vignude le tasse, i sequestri.
E mi che la cassa go sempre in malora,
"tac", i ghe ga messo el sequestro de sora.
Ma 'sti macachi a mi no i frega
e coro in gheto a spaciar la carega.
Cussì finisi, se trovo la grega,
tuta la storia de questa carega.


Traduzione in italiano

La storia di una sedia
Trenta fà, da una greca,
mia madre comprò questa sedia.
Di schenale solido e di gambe buone
gli avrà dato tre o quattro corone.
Quando mia madre ha aperto bottega,
sono venuto al mondo su questa sedia.
Giocherellavo, piangevo, ridevo
e qualche volta qualcosa combinavo.
Su questa sedia e senza coscienza
rubavo lo zucchiero dalla credenza.
Su questa sedia quante sgridate
quando mio padre mi dava legnate.
Su questa sedia a mò di tavola
facevo i compiti quando andavo a scuola.
A tredici anni su questa sedia
battevo col martello e adoperavo la sega.
Con questa sedia un giorno di festa
a quattro matti ho rotto la testa.
E quante volte, seduto e zitto zitto,
attendevo il padrone per pagargli l'affitto.
E' trascorso tempo, sono passati gli anni,
sono passate di guerre, disgrazie e malanni.
Austria e Germania sono belle che "Kaput",
ma questa sedia è sempre in salute.
Su questa sedia per puro caso
alla mia ragazza ho dato il mio primo bacio.
E con questa sedia, cascando indietro,
è stata la causa del mio primo figlio.
E dalla moglie, appena sposato,
con questa sedia sono stato colpito,
perhè ubriaco urtandola in tal modo
ho ribaltato la pignata con il brodo.
Sono passati gli anni, sono passate le fantasie
e sono arrivate le tasse, i sequestri.
Ed io che ho sempre la cassa in rovina,
"tac", è stata messa sotto sequestro.
Ma questi maledetti a me non mi imbrogliano
corro nel rione a vender la sedia.
Così finirà, se troverò la greca,
tutta la storia di questa sedia.

Racconto inviato da: Pino Scorrano