RACCONTI - FRIULI VENEZIA GIULIA
Conferenza sula storia
Un racconto del grande comico triestino Angelo Cecchelin riguardante la Conferenza sulla storia, attraverso la quale ne stravolge e confonde i riferimenti storiciin tono ironico.
Dialetto: Friuli Venezia Giulia

Conferenza sula storia
Ne l’ano milequatrocento e ventisete
xe nato Federico Barbarossa,
fio de Rafaelo l’arciprete,
che ga creado el schizo co’ la mossa.

E co’ la moglie de l’ebreo erante
xe nate, de scondon, due zemele,
anzi, una se ga sposà con Dante
e l’altra con Gigi Ingrumamele.

In quel tempo iera re del Cairo
el potente Galileo Galilei,
che con Nerone el iera proprietario
de una coltivazion de ravanei.

Xe sta’ alora che Cristoforo Colombo
da l’alta zima de ‘l Col de Lana,
sentido in lontananza un zerto rombo
el ga scoperto l’Austro-Americana.

I greghi i ga sbarcado a San Giusepe
per ciapar de drio i Turchi, che a Milan,
i aveva proclamado Ceco Bepe
primo imperator, quel fiol d’un can.

Ma D’Anunzio, che tuto vigilava,
el ga racolto i Gali e i Ostrogoti
e mentre che i Russi ghe la dava
el ga arestà Torquato Bonaroti.

E aloro salta suso i fascisti:
patapunfete, tuto salta in aria,
e causa i pasticeri e i comunisti
va a remengo la Fiera Campionaria.

El tranvai de San Saba per dispeto,
se cala zo in cità co la famea
e vedendo che xe tropi greghi in gheto
el provoca la guera europea.

Italia, Francia, autuno e carneval
cussì va in guera tuto ‘l continente
e nassi una baraonda, un tal miss-mass,
che gnanca mi no ghe capisso gnente.

E ga trionfà Dante che ga dito:

“Per me si va fra la perduta gente”,
e l’esempio xe del publico presente
che ridi come stupido per gnente.



Traduzione in italiano

Conferenza sulla storia
Nell’anno millequattrocento e ventisette
è nato Federico Barbarossa,
figlio di Raffaelo l’arciprete,
che ha creato lo schizzo con la mossa.

E con la moglie dell’ebreo errante
sono nate, di nascosto, due gemelle,
anzi, una s’è sposata con Dante
e l’altra con Gigi Ingrumamele.

In quel tempo era re del Cairo
il potente Galileo Galilei,
che con Nerone era proprietario
di una coltivazione di ravanelli.

E' stato allora che Cristoforo Colombo
dall’alta cima del Colle di Lana,
sentito in lontananza un certo rombo
ha scoperto l’Austro-Americana.

I greci sono sbarcati a San Giusepe
per prendere da dietro i Turchi, che a Milano,
avevano proclamato Cecco Beppe
primo imperatore, quel figlio d’un cane.

Ma D’Annunzio, che tutto vigilava,
ha raccolto i Galli e gli Ostrogoti
e mentre i Russi erano in lotta
hanno arrestato Torquato Bonarroti.

E allora salta sopra i fascisti:
patapunfate, tutto salta in aria,
e per causa dei pasticceri e i comunisti
va a finir male la Fiera Campionaria.

Il tranviere di San Saba per dispetto,
va giù in città con la filovia
e vedendo che c’erano troppi greci in ghetto
provoca la guerra europea.

Italia, Francia, autunno e carnevale
così va in guerra tutto il continente
e comincia una baraonda, un tal caos,
che neanche io ci capisco niente.

E ha trionfato Dante che ha detto:

“Per me si va fra la perduta gente”,
e l’esempio è del pubblico presente
che ride come stupido per niente.


Racconto inviato da: Pino Scorrano