POESIE - LIGURIA
Comme e ciæbelle

Dialetto: Liguria

Comme e ciæbelle
In te quelle primme ôe depui-disnâ
quande o cädo o creuve tutto comme un vello,
e tutta a campagna in gïo a se pä fermâ
e i grilli te trapann-an o çervello;

quande,sciammi de farfalle i ricordi
resveggiæ, scappan xoattando in gïo
e s’asbrïan pe stâ feua ancon un pö,
pe no dovei tornâ in to scûo do nïo;

l’é in quelle ôe che a malinconia
a s’ingheugge comme lélloa in gïïo a-o cheu,
e i pensciëri te se fan de ciongio,
te péisan addosso comme di magheu.

Alloa me pä d’ese o canaio drento a-a gàggia,
che o canta sempre a stessa seu canson.
Oh, poei ese comme o gatto ch’o pisaggia
a-o fresco sotto a-e ramme do brignon!

Poei mette sotto a-o gotto ‘sta tristessa
poi aspëtâ che a sparisce via,
che a se trasforme in ta feliçitæ
comme pe incanto, comme pe magìa!

Comme e ciæbelle drento a-o gotto imböso,
che da-a séia all’indoman mattinn-a
con a magìa dell’amô de mæ moæ
se trasformavan in qualche nichelinn-a.

Dialetto genovese


Traduzione in italiano

Come le lucciole
In quelle prime ore dopopranzo
quando il caldo copre tutto come un velo,
e tutta la campagna intorno sembra immobile
e i grilli ti trapanano il cervello,

quando, sciami di farfalle, i ricordi
risvegliati, scappano svolazzando in giro
e si agitano per star fuori ancora un po’,
per non dover tornare nel buio del nido;

è in quelle ore che la malinconia
s’avvolge come edera intorno al cuore,
e i pensieri ti si fan di piombo,
ti pesano addosso come macigni.

Allora mi sembra d’essere il canarino dentro alla gabbia
che canta sempre la stessa sua canzone.
Oh, poter essere come il gatto che pisola
al fresco sotto i rami del pruno!

Poter mettere sotto al bicchiere questa tristezza
poi aspettare che sparisca via,
che si trasformi in felicità,
come per incanto, come per magia!

Come le lucciole dentro al bicchiere capovolto,
che dalla sera all’indomani mattina
con la magia dell’amore di mia madre
si trasformavano in qualche nichelina*.



* Nichelina: moneta del valore di 20 centesimi in uso nel periodo antecedente la seconda guerra mondiale.


Racconto inviato da: Alba Toscanini