RACCONTI - FRIULI VENEZIA GIULIA
Cjan e gjat
Filastrocca raccolta nella Valle del But di Paluzza (UD)
Dialetto: Friuli Venezia Giulia

Cjan e gjat
Ploe e soreli
la gjate Ďa va a bèvi
Ďa va dàur la puarte
Ďa cjate la cjare muarte
cu la piel jo mi vistìi
e cui cuars fasei un pàr di trombetes
mi metei a trombetà
las brutes a mincionà.
Salte fur la brute tose
a cjape la me murose
la bute sul mus
il mus al va a tòr
il predi su pal forn
il forn al scotave
e il predi al pedeave!
Plòja, plojasina,
la giata líè in cusina,
il cian líè dabàs,
che strissina ducí i clas,
che romp lií scugielis
e lassa ches plui bielis!


Traduzione in italiano

Cani e gatti
Pioggia e sole
la gatta va a bere
va dietro la porta
trova la capra morta
con la pelle mi vestii
con le corna feci un paio di trombette
mi misi a strombettare
le brutte a canzonare.
Esce fuor la brutta Tosa
afferra la mia morosa
la butta sullíasino
líasino va attorno
il prete dentro il forno
il forno scottava
e il prete scoreggiava!
Pioggia, pioggerellina,
la gatta è in cucina,
il cane è dabbasso,
che trascina tutti i sassi,
che rompe le scodelle,
e risparmia le più belle!

Racconto inviato da: Pino Scorrano