RACCONTI - LOMBARDIA
Al gioeuch da la mura
Gioco molto antico, ma ora quasi scomparso, il gioco della morra è sostanzialmente un gioco d'azzardo. In voga fin dall'antichità è ora quasi scomparso, sostituito dal gioco delle carte.
Dialetto: Lombardia

Al gioeuch da la mura
Li régoli da sto gioch d'azzard i è abastansa facili: sa'l giuga an cobbia, i giugadùu i drizza foeu i dii da la maa tutt d'an colp e i ciàma al numar. Al vincc quel ca l'indovina al numer ca'l vegn foeu da la somma de i dii de i duu giugadùu.
An realtà al gioeuch l'è più difficil da quel ca's pènsa: per vincc al basta miga la fortuna, al gh'à voeul anca pruntezza da riflèss e besogna capì la psicologia da l'aversari.
Al gioech l'era giugàa tant dai noss emigrant ca i andava an America e an Francia.





Traduzione in italiano

Il gioco della morra
Le regole di questo gioco d'azzardo sono abbastanza facili: si gioca in coppia, i giocatori stendono le dita della mano di colpo e chiamano il numero. Vince quello che indovina il numero che esce dalla somma delle dita dei due giocatori.
In realtà però il gioco è più difficile di quello che si pensa: per vincere, non basta la fortuna, ci vuole prontezza di riflessi e bisogna capire la psicologia dell'avversario.
Il gioco era giocato molto dai nostri emigranti che andavano in America e in Francia.

Racconto inviato da: Gigi Zanga