RACCONTI - PIEMONTE
La Parabola del Figliol Prodigo
Costruiamo una "Stele di Rosetta" dei dialetti italiani attraverso la «Parabola del Figliol Prodigo» nella varie "altre" lingue?
Dialetto: Piemonte

La Parabola del Figliol Prodigo
Nel dialetto di Serravalle Scrivia (Alessandria).

In omu ug avàiva dui fiöi. E pü zunu ug a ditu a so 'upà : Pupà, dame sùbtu kuel' k'um tuka 'd l'eredità. Alantùa è pupà l'à spartìu kuel k'ug avàiva tra i dui fiöi.
Da li a kuòk' giurnu è fiö pü zunu l'a vendüu tüta a so roba e 'nku i sodi fati sü us n'è 'ndatu 'nt'in paize luntàun : li us è datu aa bèla vita e us è mangiò tüti i sodi.
Pö döpu 'ntis'is situ ug è stata 'na gràun karestìa e kuel' zunu, k'un g'avàiva pü nèinte, l'a gminsò a pruvò kos' k' l' è a bazèina.
Alantua l'è 'ndatu suta padròun da 'n sciuu 'd is paize. Lalè ul a mandò 'nti kàumpi a fò è guardiàn ai pursèi. Ug avàiva 'na fame k' l'avesa vusüu 'mpinise u stómgu 'nku e ghiàunde k'i mangiòva i pursèi, ma un gh'ea 'nsöin k'ug ne dòva.
Alantùa l'a gminsò a pensòsge 'nsima e l'a ditu : Tüti kuei k'i lavùa suta mè 'upà, ig an deè pan abretiu. Mi, 'nvece, ag ö 'na bazèina da muì.
Auva a vagu da mè 'upà e ag digu : Pupà, at ö mankò 'd rispètu a ti e au Signù, an mèritu pü 'd'ese u to fiö ; tràtme kmè öin 'di to garsòuni.
Us è sübtu 'nkaminò pè 'ndo da so 'upà.
L'ea 'nku luntàun daa ka kuàunde ke so 'upà ul a vistu ; ug a fatu mòlprù ; ug è kurìu 'nkontra, ul a brasò e bazò.
Ma è fiö ug a ditu : Pupà at ö mankò 'd rispètu a ti e au Signù, an mèritu pü 'd'ese u to fiö.
Ma e Pupà l'a sübtu ditu ai servitùi : Prestu, piài è vestì pü belu e metiglu 'ndosu.
Metìghe 'n'anè 'ntu digu e skòrpe 'nti pé.
Pö brankài è vitè pü grasu, masàilu, mangemlu e femu baldoria. Ag emu da fò festa, perkè is' me fiö per mi l'ea mortu e àuva u viva turna, us ea pèrsu e al emu turna truvò.
E i an gminsò a fò festa.
E i fiö pü vègiu 'ntantu l'ea 'nti kàumpi.
Tantu k'u gniva 'nderè e u se vzinòva a ka, u sentiva k'i sunòva e k'i balòva.
L'a ciamò öin 'di garsòuni e ug a ditu kose k'l'ea 's' burdeleriu.
U servitù ug a rispostu : L'è gnüu a ka to frè e to 'upà l'a fatu masò è vitè, kuelu k'emu fatu gni grasu, perkè l'è rivò san e sòlvu.
Alantùa è frè pü vègiu us è rabiò e un vràiva màunku 'ndò 'n ka. Ma è pupà l'è surtìu e l'a serkò 'd kunvèinslu a 'ndò 'ndràinta.
Ma kuel la ug a ditu : Ma kmè, mi at servu da 'n mügiu 'd'ani, an g'ö mòi datu du la 'ntu lavù e ti tin m'è màunku datu 'n kravèin per fò festa 'nku i mè amighi. Ma àuva l'è rivò kilè k'l'a zghiò tüta a to roba 'nku dee plàundre e ti tig è masò è vitè pü grasu.
Ma ug a ditu e pupà : Kòu è me fiö, ti ti stè sàimpre 'nku mi e tütu kuelu k'l'è mè l'è u to asì.
Ma àuva ag emu da fò festa e stò alegri, perkè to frè l'ea mortu e àuva u viva turna, us ea pèrsu e al emu turna truvò.




Traduzione in italiano

La Parabola del Figliol Prodigo
Un uomo aveva due figli.
Il più giovane disse al padre: "Padre, dammi la parte del patrimonio che mi spetta".
E il padre divise tra loro le sostanze.
Dopo non molti giorni, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanze vivendo da dissoluto.
Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno.
Allora andò e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube che mangiavano i porci; ma nessuno gliene dava.
Allora rientrò in se stesso e disse: "Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni".
Partì e si incamminò verso suo padre.
Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò.
Il figlio gli disse: "Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio".
Ma il padre disse ai servi: "Presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l'anello al dito e i calzari ai piedi. Portate il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".
E cominciarono a far festa.
Il figlio maggiore si trovava nei campi.
Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò un servo e gli domandò che cosa fosse tutto ciò.
Il servo gli rispose: "E' tornato tuo fratello e il padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo".
Egli si arrabbiò, e non voleva entrare.
Il padre allora uscì a pregarlo.
Ma lui rispose a suo padre: "Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai trasgredito un tuo comando, e tu non mi hai dato mai un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che questo tuo figlio che ha divorato i tuoi averi con le prostitute è tornato, per lui hai ammazzato il vitello grasso".
Gli rispose il padre: "Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".

Racconto inviato da: Roberto Allegri