POESIE - PUGLIA
La tiritéra te le pìrite
Poesia edita dal grande poeta salentino Mastro Scarpa che in vita ebbe innumerevoli riconoscimento di critica in tutta la penisola italiana. La sua poesia si colloca nel classicismo romantico di sapore moderno ed attuale. Nato, vissuto e morto a Taurisano (Lecce).
Dialetto: Puglia

La tiritéra te le pìrite
Na caruséddha te nna cran casàta
facìa l'amore cu nnu certu tale;
era na bella coppia cuncértata
comu Rumeu e Giulietta tale e quale.
Però nna sira mentre sta sùnava
lu pianuforte, sula, a largu sfòcu,
la ventre se sintìa ca ne scattava
e poi scittàva pirite te focu.
E manu manu ca se scaricava
ticìa ogni fiàta: Ah! m'aggiu dìfriscata!
Mentre però sta scàna secutàva
lu zzìtu sou trasìu alla riscurdata.
Quannu sintìu ddha bella titèra,
fermu se rimanìu susu la porta
cu sente ancora méiu ddha bùfera;
ma iddha tannu no se n'éra 'ncòrta.
Iddha facìa scorregge a tuttu spiatu;
però nnu gestu fàusu la 'ngannàu,
se ne 'ncurgìu tu zzitu ca è rrivatu:
susu la porta fermu lu truvau.
Tutta surpresa allora e rrussicchiata:
te quantu tiémpu, tisse, ca stai cquai?
Rispuse: te la prima difriscàta,
te la prima piritàta ca buscài.



Traduzione in italiano

Il susseguirsi di scorregge
Una donzella di una gran casata
era fidanzata con un certo tale;
era una bella coppia sistemata
come Romeo e Giulietta tale e quale.
Però una sera mentre suonava
il pianoforte, sola, liberamente,
accusando al ventre gran dolore,
scatenava scorregge di fuoco.
E di volta in volta che si scaricava
diceva ogni volta: Ah! mi sono liberata!
Però mentre questa sequenza seguitava
il suo fidanzato entrò all'improvviso.
Quando sentì quella bella sequenza,
si bloccò sull'uscio della porta
per sentire meglio quella bufera;
ma lei allora non s'accorse.
Lei faceva scorregge a tutta birra;
però un gesto falso la ingannò,
se ne accorse del fidanzato che arrivò:
trovandolo fermo sull'uscio della porta.
Tutta sorpresa e arrossata disse:
da quanto tempo stai qui?
Rispose: dalla prima rinfrescata,
dalla prima scorreggiata che buscai.


Racconto inviato da: Pino Scorrano