POESIE - SICILIA
Ora ca la me menti è malata ‘nto pinzeri t’annagu
Or che la mia mente è malata e il sogno attuale sulla terra si avvia verso una vita eterna, sento come non mai il desiderio di stare vicino, oltre alla mia compagna della vita: mia moglie Bartola; anche a colei che come musa mi ha regalato e mi ragala un'amicizia che va oltre i confini dell'amore: Valeria
Dialetto: Sicilia

Ora ca la me menti è malata ‘nto pinzeri t’annagu
Quannu ciuru l’occi , sentu ‘u to ciauru,
quannu abbolu ca fantasia ‘nte riordi ro passatu,
currennu appressu ogni mumentu,
senza pirdirini ‘nsecunnu;
quannu sentu i noti ri na canzuni ca jaju ascutatu
quannu erutu ‘mpiccicata ‘nte so virazza…
nasci nu’ rirriri accumpagatu ri na lacrima,
finu a ora ammucciata ‘nte me orivi occi
e ca ora scurri assai ‘nta me faccia…
è ‘u to rirriri a rarimi fozza,…
è a to taliata a rarimi ‘a vuluntà,
su li to manu a darimi ‘mmozioni,
i to virazza a mittirimi o sicuru…
pirchì , ci criri o nun ci criri si tu ca mi runi amuri!
Vulissi assai sciddicari cu li me manu ‘ntra li to capiddi,
e u pitittu ri sautariti ‘ncoddu p’abbrazzariti
magari quannu tinni vai ‘mpi ‘mmumentu sulu…
‘nsecunnu ca ora addivintau na vita!
E è a me vita,
chidda ca ‘ddoppu du secunnu ha cangiatu,
ca nun trova cchiu paci tra ‘a genti,
ca cecca rispiratamenti la to manu…
putiriti tuccari n’autra vota, fussi assai rulurusu.
E’ chistu luluri ca ceccu,
ca risiu,
ri cui agghiu siti
e ca tu sula mi po rari.
M’arriordu ‘u jornu ca nun ni canusciimu ‘pi nenti,
Magari ca sapivimu che nosci viti s’avissunu ‘ncuntratu
Pirchì tu si Marzia ‘a veccia cintinnaria Marzia
‘ndu jornu ca ‘ncuntrai a to taliata
senza sapiri can un l’avissi cchiu scurdatu.
Arriorditi ri mia, sabbami ‘nto to cori,
pirchì sugnu sempi filici r’arrialariti magari se è virtuali amuri.
Riordu u suli ro matinu c’accumpagnava u me risbigghiarinu;
riordu la ruci luna ca mi rimbuccava i coperti,
riordu ‘ndi stiddi , accussì nighi e curiosi,
ca facivinu a spia e me suspira.
Riordu quannu t’addumannai
Si vulivitu siri la me musa
E ju ‘u pueta ca voli arrivari a na meta,
la meta ri ‘npumu,
ca na vota tagghiata nun sarà cchiu sana.


Traduzione in italiano

,Ora che la mente è malata nel pensiero ti cullo
Quando chiudo gli occhi, sento il tuo profumo,
quando volo con la fantasia tra i ricordi del passato,
rincorrendo ogni attimo,
senza perderne un secondo;
quando sento le note di una canzone che ho ascoltato
quando eri avvolta tra le sue braccia…
nasce un sorriso, accompagnato da una lacrima,
fino ad ora nascosta nei miei ciechi occhi
e che adesso scorre velocemente sul viso…
E' il tuo sorriso a darmi l’energia,
è il tuo sguardo a darmi la volontà,
sono le tue mani a darmi emozioni,
le tue braccia a darmi sicurezza…
perchè, ci credi o non ci credi sei tu che mi dai amore!
Vorrei tanto far scivolare le mie mani tra i tuoi capelli,
e il desiderio di saltarti addosso per abbracciarti
anche quando te ne vai via solo per un momento....
un secondo che adesso è diventato una vita!
Ed è la mia vita,
quella che dopo quel secondo è cambiata,
che non trova più pace tra la gente,
che cerca disperatamente la tua mano…
poterti sfiorare nuovamente, sarebbe troppo doloroso.
È questo dolore che cerco,
che desidero,
di cui sono assetato
e che solo tu puoi darmi.
Ricordo il giorno in cui eravamo perfetti sconosciuti,
anche se già sapevamo che le nostre vite si sarebbero incrociate,
perchè tu sei Marzia la vecchia secolare Marzia
quel giorno in cui ho incontrato il tuo sguardo
senza sapere che non l’avrei più dimenticato.
Ricordati di me, conservami nel tuo cuore,
perché sarò sempre felice di donarti anche se virtuale amore.
Ricordo il sole del mattino che accompagnava i miei risvegli;
ricordo la dolce luna che mi rimboccava le coperte,
ricordo quelle stelle, così piccole e curiose,
che spiavano i miei respiri.
Ricordo quando ti chiesi
se volevi esser la mia musa
e io il poeta che si prefigge una metà,
la metà di una mela,
che una volta spezzata non sarà più unita.

Racconto inviato da: Paolo Campisi