RACCONTI - FRIULI VENEZIA GIULIA
Il Fi da li Mans Sbusis
Costruiamo una "Stele di Rosetta" dei dialetti italiani attraverso la «Parabola del Figliol Prodigo» nella varie "altre" lingue?
Dialetto: Friuli Venezia Giulia

Il Fi da li Mans Sbusis
Nel dialetto di Spilimbergo (Pordenone)

Un om al veva doi fîs. Il pi zovin ai disè al pari: Pari, dami la mê part. E il pari ai dividè tra di lôr la so roba. Di lì a pôc, il pi zovin, dat dongia se c'al veva, al partì par un paîs lontan dulà ch'al mangjà su dut, fasint la vita dal Michelàs. Restât c'al fo sensa un carantan, in chel paîs a vignì una gran miseria tant ca si cjatà ta la bisugna. Alora al si cjapà su par zi a fa il famei di un bacan di chel puest, ca lu mandà tai cjamps a passonà i pursis. Al varès volût passisi cu li carobulis Ca mangjavin i pursis; ma nissun ghi ni deva.
Un biel dì al tornà in sé e al disè: Tanciu fameis in cjasa di gno pari no ane pan a vonda e iò, culì, môr di fan! I cjaparai su e zarai da gno pari e ghi disarai: Pari i ai falât viers di Sêl e viers di te: no mi sint di iessi clamar pi cio fi. Tratimi come l'ultim dai ciei fameis.
Dit e fat al ciapà su par tornà da siò pari. A n'ol era ancjamò dongja, ca siò pari lu iodè da lontano e, in gropât, ai ghi corè incuintri, butansi a brazzacuel e bussanlu.
Il fi ghi disé: Pari i ai falât viers di Sêl e viers di te: no mi sint di iessi clamar pi cio fi.
Ma sùbit il pari i disè a la servitût: suels, portait il vistît pi biel par ca lu meti, meteghi l'anel tal dêt e i scarpès tai pîs. Cjapait il vigjel pi gras, copailu, mangin e fasin fiesta, parsé che chistu gno fi al era muart e al è tornât dongja, al era pierdût e lu vin cjatât. E tacàrin a fa fiesta.
Il fi pi grant ai era tai cjamps. Tornant indavôr, c'al fo dongja cjasa, ai sintì c'ai cjantava e ai balava; al clamà un famei e a ghi domandà se c'al era chel befél.
Il famei a ghi rispundè: Al è tornât dongja cio fradi e cio pari al a fat copà il vigiel pi gras, parsé ch'al è tornât san e salf.
Lui alore a si sustà, e a n'ol voleva entrà dentri. Il pari alora al vignì fôr a prealu. Ma il fi al rispundè: Orpo, io i ti servìs da tanciu ains e ai simpri fat se ca ti as volût e tu na ri mi as dât mai nancia un zocul par bacanà cui gnei amîs - Ma cumò che chistu cio fi, c'al a mangiât duta la to roba cu li slossis, al è tornât a doremus, par lui ti as fat copà il vigjel pi gras.
Ghi rispundè alore il pari: Fi mo gno, tu ti sos simpri cun me e dut chel c'al è gno al è ancja cio; ma si scugnì fa fiesta e sta in ligria, parsé ca chistu cio fradi al era muart e al è tornât dongja, al era pierdût e lu vin cjatât.

Gli "allievi dell'Università della Terza Età" del corso di Lingua e Letteratura Friulana del prof. Gianfranco Ellero, con la supervisione del signor Bruno Sedran di Spilimbergo.




Traduzione in italiano

La Parabola del Figliol Prodigo
Un uomo aveva due figli.
Il più giovane disse al padre: "Padre, dammi la parte del patrimonio che mi spetta".
E il padre divise tra loro le sostanze.
Dopo non molti giorni, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanze vivendo da dissoluto.
Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno.
Allora andò e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube che mangiavano i porci; ma nessuno gliene dava.
Allora rientrò in se stesso e disse: "Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni".
Partì e si incamminò verso suo padre.
Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò.
Il figlio gli disse: "Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio".
Ma il padre disse ai servi: "Presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l'anello al dito e i calzari ai piedi. Portate il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".
E cominciarono a far festa.
Il figlio maggiore si trovava nei campi.
Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò un servo e gli domandò che cosa fosse tutto ciò.
Il servo gli rispose: "E' tornato tuo fratello e il padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo".
Egli si arrabbiò, e non voleva entrare.
Il padre allora uscì a pregarlo.
Ma lui rispose a suo padre: "Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai trasgredito un tuo comando, e tu non mi hai dato mai un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che questo tuo figlio che ha divorato i tuoi averi con le prostitute è tornato, per lui hai ammazzato il vitello grasso".
Gli rispose il padre: "Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".

Racconto inviato da: Gianni Colledani