POESIE - SICILIA
L’URTIMA LACRIMA
Quando il dolore non ti molla e senti affievolir le tue forze speri che il tempo del trapasso si accorci
Dialetto: Sicilia

L’URTIMA LACRIMA
Allegghiu,
sentu scusciri
‘u me cori.
E ‘ntupparisi
co’ velu niuru
ra mala sorti:
N’amara verità
ca ‘nto finiri
runa a l’occiu
quasi astutatu
L’urtima lacrima
ri ‘NNENTI.
Currennu
passa ‘u schelitru
ro tempu
‘a ‘ntuppari u casciolu
cu petri pisanti
‘nta fraciruta terra marrò
‘pi fertili tirrina ri pasculu
ro Celu.




Traduzione in italiano

L’ULTIMA LACRIMA
Lento,
sento palpitar
il mio cuore.
E, ricoprir
col nero velo
della mala sorte:
Una amara verità
che nel finire…
dona a l’occhio
quasi spento:
l’ultima lacrima
di un NULLA.
Veloce,
passa lo scheletro
del tempo
a ricoprir la bara
con pesanti pietre
ne l’ocre terra putrefatta
per fertili pascoli
Celesti.


Racconto inviato da: Paolo Campisi