RACCONTI - CALABRIA
U Figliu Pìersu
Costruiamo una "Stele di Rosetta" dei dialetti italiani attraverso la «Parabola del Figliol Prodigo» nella varie "altre" lingue?
Dialetto: Calabria

U Figliu Pìersu
Nel dialetto di Serra Pedace (Cosenza)

N'uemine tenìa due figli. U kiù giuwine ri rui ha dittu allu patri : patri, runame mò a parte da robba chi me tocca. Allura u patri ci spartutu a robba k'avia. Pue, dopu pochi juerni, u figliu chiù giuvine s'awia ricùetu tutt'e cose sue e sinn'èra jutu all'esteru a nu paise luntanu e s'avia sprecatu tutt'a rrobba chi ciavia datu u patri, facìennu na vita viziusa.
Quannu avia finitu tuttu chillu ch'avia, a chillu paisi c'era benuta na ranne carestia, e illu 'ncumingiava a se trovare ingia e bisùegni. Era jutu puru a s'acchucchiare a nu cittadinu e chillu paise, chi l'avia mannatu a guardare i pùerci. E avia la gulìa e s'abbuttare re carrubbe chi se mangiavanu e pùerci, e nessunu chi ce rava nente.
Quannu avia capitu u sbagliu c'avia fattu ha dittu; Quantu ùemini chi venanu pagati e patrima mia tenanu abbunnànzia e pane, mentre iu mùeru i fame. Pue me azu , vaiu addue patrima e ce ricu : «Patri, aju peccatu cuntru u cìelu e cuntru e tìe. Nun me mìeritu e essere chiamatu u figliu tuu. Famme cumu unu ri lavuraturi tui».
E pue s'innera jutu addue u patri. Quannu era ancora luntanu, u patri l'avia bistu e su figliu l'avia fattu pietà e s'era jettatu allu cuellu du figliu e lu vasava ruce ruce. Pùe u figliu ha dittu allu pattri : «Patri aju peccatu contru u cìelu e contru e tìe. Nun me mìeritu e essere chiamatu u figliu tuu. Famme cumu unu ri lavuratùri tui».
Ma u patri avia dittu alli schiavi : «Maniàtive, portàti na vesta longa, a chiù bona chi c'è, e vestìtilu, e minditice n'aniellu a ra manu e nu paru e sannali a ri pìeri. E portati u toru giùvine 'ngrassatu, scannatelu e mangiamu e facimu festa ca su figliu mìu era mùertu e mò è rivisciùtu, s'era pìersu e mò e statu trovatu torna».
E 'ncuminciàvanu a se scialare. Mo u figliu cchiùgranne stava fatigannu alla terra du patri; e quannu sinna stava benìennu s'era abbicinatu alla casa sua e avia sendutu nu cuncìertu e musica e puru certi balli. Avìa chiamatu unu de servituri e ciavìa addummannatu cchi bolìjanu dire ste cose. U serviture ce dicìa : «È benutu fràttita, e pàdritta ha scannàtu u toru giuvìne 'ngrassàtu, pecchì u figliu suu è benutu torna alla casa e stà bùenu».
Ma u figliu granni quannu avia sendùtu stè cose nun bòlija trasere. Allura u patri era esciutu fora e lu 'ncuraggiàva pè trasere. U figliu dicìa : «U viri, sunnu tanti anni ca te fazzu e schiavu e nun e mai mancatu nu desideriu tuu; eppuru a mia nun ma ratu mai nu caprìettu pe me scialare cu ri cumpagni mii. Ma appena è benutu su figliu tuu chi s'ha mangiatu tutt'a rrobba tua cu re bone fimmine, ha scannatu u toru giùvine 'ngrassatu».
Allura u patri ricìa a ru figliu: «Figliu, tu si sembre statu ccu mia e tutt'e cose mie sunnu pure e cose tue, ma avime e essere cuntìenti e avime e fare festa, ca su frate tuu era mùertu e mò e rivisciùtu, e s'era persu e mò è statu trovatu».




Traduzione in italiano

La Parabola del Figliol Prodigo
Un uomo aveva due figli.
Il più giovane disse al padre: "Padre, dammi la parte del patrimonio che mi spetta".
E il padre divise tra loro le sostanze.
Dopo non molti giorni, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanze vivendo da dissoluto.
Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno.
Allora andò e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube che mangiavano i porci; ma nessuno gliene dava.
Allora rientrò in se stesso e disse: "Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni".
Partì e si incamminò verso suo padre.
Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò.
Il figlio gli disse: "Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio".
Ma il padre disse ai servi: "Presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l'anello al dito e i calzari ai piedi. Portate il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".
E cominciarono a far festa.
Il figlio maggiore si trovava nei campi.
Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò un servo e gli domandò che cosa fosse tutto ciò.
Il servo gli rispose: "E' tornato tuo fratello e il padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo".
Egli si arrabbiò, e non voleva entrare.
Il padre allora uscì a pregarlo.
Ma lui rispose a suo padre: "Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai trasgredito un tuo comando, e tu non mi hai dato mai un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che questo tuo figlio che ha divorato i tuoi averi con le prostitute è tornato, per lui hai ammazzato il vitello grasso".
Gli rispose il padre: "Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".

Racconto inviato da: Rosaria C. Saponaro