RACCONTI - SICILIA
Cuntu ri Natali
Questa favola è sorta dopo una breve discussione attraverso lo chat con la mia musa Valeria e che a lei dedico dal cuore generoso e che ni stsa aiutando molto a superare i momenti di crisi del mio nale Cristo è luce è Vita è Amore non lo dimentichiamo.
Dialetto: Sicilia

Cuntu ri Natali
C'era na vota ‘npi picurareddu ca pussiria trintasei pecurie ru cani e puttava
Chisti ogni jornu ao pasculu ‘nta montagna.
‘Nghiornu ‘nsecutu a fotti nivi ca avia carutu i poveri peculi nun cia firainu
a camminari pirchì i piruzzi affunnainu ‘nta nivi e allura ‘u picurareddu
dicisi ri firmarisi ‘ddà ‘pi na pocu ri tempu e truvau unni ripararisi ‘nta na rutta.
All’indumani ‘nta so strata attruau nu stranu ciuri jancu a forma ri stidda, ‘u
cugghiu e accussi fici ‘pi ogni ‘cciuri ‘ncuntratu ‘u picurareddu jva appressu o
sinteru ca ci ammusciavanu i ciuri.
Si fici scuru e s’attruau ravanti nautra rutta, ca ‘u faciva scantari, ma jddu
Dicisi ri trasiri ‘u stissu.
Vitti ca unu re ciuri c’avia ‘nta manu s’addumava fugghicedda , ‘pi fugghicedda
Isannu ‘u virazzu agghiri jautu ‘u ciuri a forma ri stidda ci pirmittiva ri farici taliari
a strata, facennuci virriri na bedda rutta ri stalattiti e stalagmiti
‘U primu ciuri s’astutau, e pigghiau ‘nte manu ‘u secunnu, chistu ‘ncumiciau a fari luci, e allura ‘u picurareddu dicisi ri camminari ancora, finu a quannu si cumminciu ca ciarristavanu sulu tri ciuri a disposizioni, allura, chi fari? Iri avanti o turnari
n’arreri?Si dumannau si fussi a rutta ri stalattiti che so joca ri luci ca ve ‘zzittari,
o ci putiva esseri occhi cosa autra? Fu ‘nta su mumentu ca ci cumpariu n’angilicciu rosa cu lari coluri oru ca ci rissi camina. Camminannu, arrivau finu a fini ra rutta , unni c’era na secunna sciuta e doppu ri chista n’autra strata ca ‘u purtava ‘nti na rutta ‘lluminata ra luci ca facia na rossa stidda. ‘Nta na mannira giaciva ‘u ‘bbammineddu, cauriatu ro ciatu ri ‘vvoi e ri nu sciccareddu e ri
l’amuri ri Maria e Giuseppi.
‘U picurareddu arristau ‘ncantatu ri tuttu chistu e l’angilicciu ci rissi ri rillu a tutti l’autri picurari chiddu ca avia pututu virriri, in modu ca magari jddi avissunu pututu fari ‘u stissu…




Traduzione in italiano

Favola di Natale
C'era una volta un pastorello che possedeva trentasei pecore e due cani e portava questi ogni giorno al pascolo su in montagna.
Un giorno,in seguito ad una abbondante nevicata le povere pecore non riuscivano a camminare perche' le loro zampe affondavano nella neve e allora il pastorello decise di fermarsi lì per un po' e trovo' rifugio in una grotta.
L'indomani sulla sua strada trovo' uno strano fiore bianco a forma di stella, lo raccolse e cosi' fece per ogni fiore incontrato: il pastorello seguiva il sentiero indicatogli dai fiori.
Si fece buio e si trovo' davanti ad un'altra grotta, che lo impauriva, ma lui decise comunque di entrare.
Noto' che uno dei fiori che aveva in mano si illuminava fogliolina per fogliolina, alzando il braccio verso l'alto il fiore a forma di stella gli permetteva di vedere la strada , facendogli scorgere una fantastica caverna di stallattiti e stalagmiti.
Il primo fiore si spense, e preso in mano il secondo, questo comincio' a far luce, e allora il pastorello decise di proseguire, fino a quando si rese conto che gli rimanevano solo tre fiorellini a disposizione; allora, che fare? andare avanti o tornare indietro? Si chiese se fosse la caverna di stallattiti con i suoi giochi di luce a dover scoprire, o poteva esserci dell'altro? Fu allora che gli apparve un angioletto rosa con le ali dorate che lo invitò a proseguire.Proseguendo, arrivo' fino alla fine della caverna, dove c'era una seconda uscita e al di la' di questa un altro sentiero che lo avrebbe condotto ad una capanna illuminata dalla luce immane di una stella.
In una mangiatoia giaceva un bimbo, riscaldato dal fiato di un bue e di un asinello e dall'amore di Maria e Giuseppe.
Il pastorello rimase incantato di tutto questo e l'angioletto gli disse di diffondere agli altri pastori cio' che aveva potuto vedere, cosicchè anche loro potessero fare altrettanto…

Racconto inviato da: Paolo Campisi