POESIE - LIGURIA
L'ommo di gessetti
Ricordi lontani pieni di nostalgia, rimpianto,malinconia,che riaffiorano sempre più debolmente nel vecchio cuore.
Dialetto: Liguria

L'ommo di gessetti
O l’arrivava co-i seu gessetti coloræ,
a lunga barba bionda spruinâ d’argento,
i cavelli in scië spalle un pö incurvæ,
o camminava mucco, a passo lento.

O l’ea un pöveo vëgio pittô,
ma pe mì o l’aveiva a faccia do Segnô,
quello in to quaddro da vëgia cappelletta,
o stesso sguardo triste, addoloròu,
che doppo tanti anni no l’ho ancon ascordòu.

O s’assettava in to canto da ciassetta,
o tiäva feua da ‘na vëgia cascetta
i gessetti, e o se metteiva a disegnâ
de belle dösci Madonne,
incornixiæ dai fiori, con in brazzo o Bambin;
da i barcoìn s’avansävan e donne
e ghe cacciävan quarche nichelin.

Lë o tiava feua un feuggio de pappê
e ö spartiva in tanti feuggetti,
con döi segni di seu gessi colorae
o disegnava tanti oxelletti
e o ne däva un peun a nuiatri figgieu,
che scappavimo via feliçi
dixendose:«O l’é ciù bello o mæ, che o teu!»

Mì conservavo quello feuggettin,
ma o gesso in sciö pappê o tëgne poco,
e doppo un pö spariva l’oxellin,
restava solo de màccie coloræ,
comme son öa questi mæ ricordi
che cian cianin se desfan; restan solo
màccie de nostalgia in sciö pappê
frusto e scolorio do mae cheu.

Dialetto Genovese



Traduzione in italiano

L'uomo dei gessetti
Arrivava con i suoi gessetti colorati,
la lunga barba bionda spruzzata d’argento,
i capelli sulle spalle un po’ incurvate,
camminava mogio, a passo lento.

Era un povero vecchio pittore
ma per me aveva il volto del Signore,
quello nel quadro della vecchia cappelletta,
lo stesso sguardo triste, addolorato,
che dopo tanti anni non ho dimenticato.

Si sedeva in angolo della piazzetta,
tirava fuori da una vecchia cassetta
i gessetti, e si metteva a disegnare
delle belle dolci Madonne
incorniciate di fiori, con in braccio il Bambino;
dalle finestre si affacciavano le donne
e gli gettavano qualche soldino.

Lui tirava fuori un foglio di carta
e lo divideva in tanti fogliettini,
con due segni dei suoi gessi colorati
disegnava tanti uccellini
e ne dava uno ciascuno a noi bambini
che scappavamo via felici
dicendoci: “E’ più bello il mio, del tuo!”

Io conservavo quel fogliettino,
ma il gesso sulla carta tiene poco
e dopo un po’ spariva l’uccellino,
restavano solo delle macchie colorate,
come sono ora questi miei ricordi
che pian piano svaniscono; restano solo
macchie di nostalgia sulla carta
consumata e scolorita del mio cuore.


Racconto inviato da: Alba Toscanini