RACCONTI - PUGLIA
A Paräbbele d'u Figghje Sscialacquòune
Costruiamo una "Stele di Rosetta" dei dialetti italiani attraverso la «Parabola del Figliol Prodigo» nella varie "altre" lingue?
Dialetto: Puglia

A Paräbbele d'u Figghje Sscialacquòune
Nel dialetto di Margherita di Savoia (Foggia)

N'òume tenave du figghje. U cchjü ggiòvene decétte à ll'attane: "Papä, dämme a pordziòune de l'érédetä ca m'attöcche". É jjidde devedétte ê figghje a proprietä. Dòupe quälche jjuerne, arradunétte tütte u sóu, u figghje cchjü ppecceninne se ne scétte à nnu paièise lundane é ddä passétte na vite de straviddzje, cundzemétte tütte i bbane. Quänne fenétte tütte, jinde a ccude paièise succedétte na carestèi é jidde accumendzétte à pprué a meséerje. Allòure se ne scétte é sse mettétte à sséerve à nnu segnòure de cude paièise, é ccüsse u mannétte jinde ê ttéerre sóu à uuardé i puerce. É jjidde vulave jégne u stömeche d'i gghjänne ca mangiävene i puerce, ma nesscióune nge ne dave. É acchessi sòupa pendziere decétte: quände séerve â case d'attäneme hjònne u ppane ca vöelne, é jè' ddö stòuche à mmuri de fame! Mö me jaldze é vvòuche da attäneme é ddèiche: "Papä, hé mancate còndre u ciele é ccòndre à ttai; jèi nan dzò' ddégne de jésse chjamate figghjete, trätteme accòume à jjóune d'i séerve tóu". É sse jaldzétte é sse ne scétte da l'attane. É mméndre ca stave angòure lundane l'attane u vedétte, n'avétte piétä, i currétte é sse scettétte ô cuedde é u vasétte. É u figghje decétte: "Papä, hé mangate còndre u ciele é ccòndre à ttai, é nan dzò' cchjü ddégne de jésse chjamate figghje tóu". Ma l'attane decétte ê séerve: "Sübbete annucèite a vésta cchjü bbéelle é mmettétangille. Mettèitece n'aniedde ô discete é i scäerpe ê piete, pö pegghjaite nu vetiedde grässe. Accedèitele, mangiame é ffacèime féste, ca cüsse figghje mèi jére muerte é va vvevesscióute, s'avave perdóute é sse va retruate". É accumendzéerne à ffé féste. Ma u figghje cchjü ggränne stave n-gambägne é cquänne turnétte é ss'avvecenétte â case sendétte i suene é i bbälle. Chjamétte jóune d'i séerve é addumannétte ce ccòuse jérre. É ccude i decétte: "Hä vvenóute frätte é attände hä ffätte accèite u vetiedde grässe percé le va avóute sane é ssäelve". Allòure s'arrabbiétte é nnan vulétte trasi. Ma l'attane assétte é accumendzétte à ppreghäerle de trasi. É ccude respunnénne decétte à ll'attane: "Jèi t'hé servóute che ttand'änne é nnan hé mé venóute mane à nu cumänne tóu, é ttóu na' mm'ha date mé nu crapiette che ffé féste ch'i cumbägne mèi; é mmö ch'hä tturnate cüsse figghje tóu, ch'hä ssciupate tütte a ròbbe ch'i mmale fémmene, tóu ha accèise che jjidde nu vetiedde grässe". É ll'attane decétte: "figghje, tóu sté sémbe che mmai, é ttütte i bbane mèi sò' ppóure i tóu; ma mö besögne fé féste é ddäerse ô priesce, ca cüsse frate tóu jérre muerte é va vvevesscióute, se jérre perdóute é hé state retruate".




Traduzione in italiano

La Parabola del Figliol Prodigo
Un uomo aveva due figli.
Il più giovane disse al padre: "Padre, dammi la parte del patrimonio che mi spetta".
E il padre divise tra loro le sostanze.
Dopo non molti giorni, il figlio più giovane, raccolte le sue cose, partì per un paese lontano e là sperperò le sue sostanze vivendo da dissoluto.
Quando ebbe speso tutto, in quel paese venne una grande carestia ed egli cominciò a trovarsi nel bisogno.
Allora andò e si mise a servizio di uno degli abitanti di quella regione, che lo mandò nei campi a pascolare i porci. Avrebbe voluto saziarsi con le carrube che mangiavano i porci; ma nessuno gliene dava.
Allora rientrò in se stesso e disse: "Quanti salariati in casa di mio padre hanno pane in abbondanza e io qui muoio di fame! Mi leverò e andrò da mio padre e gli dirò: Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio. Trattami come uno dei tuoi garzoni".
Partì e si incamminò verso suo padre.
Quando era ancora lontano il padre lo vide e commosso gli corse incontro, gli si gettò al collo e lo baciò.
Il figlio gli disse: "Padre, ho peccato contro il Cielo e contro di te; non sono più degno di esser chiamato tuo figlio".
Ma il padre disse ai servi: "Presto, portate qui il vestito più bello e rivestitelo, mettetegli l'anello al dito e i calzari ai piedi. Portate il vitello grasso, ammazzatelo, mangiamo e facciamo festa, perché questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".
E cominciarono a far festa.
Il figlio maggiore si trovava nei campi.
Al ritorno, quando fu vicino a casa, udì la musica e le danze; chiamò un servo e gli domandò che cosa fosse tutto ciò.
Il servo gli rispose: "E' tornato tuo fratello e il padre ha fatto ammazzare il vitello grasso, perché lo ha riavuto sano e salvo".
Egli si arrabbiò, e non voleva entrare.
Il padre allora uscì a pregarlo.
Ma lui rispose a suo padre: "Ecco, io ti servo da tanti anni e non ho mai trasgredito un tuo comando, e tu non mi hai dato mai un capretto per far festa con i miei amici. Ma ora che questo tuo figlio che ha divorato i tuoi averi con le prostitute è tornato, per lui hai ammazzato il vitello grasso".
Gli rispose il padre: "Figlio, tu sei sempre con me e tutto ciò che è mio è tuo; ma bisognava far festa e rallegrarsi, perché questo tuo fratello era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato".

Racconto inviato da: Massimiliano Distaso