POESIE - VENETO
Capitelo
Poesia di Floriano Zambon del "Cenacolo Poeti de Thiene".
Dialetto: Veneto

Capitelo
Ghe xe un capitelo in tel monte,
scavà tuto drento la rocia,
e mi me ricordo,da bocia,
pregar co' me nona a man zonte.

Me vedo ancor lì come alora,
ca meto tri fiuri in tel vaso,
la man che fa segno de un baso,
ghe digo:"Doman vegno ancora."

Madona dal viso fruà,
te vedo… e rivedo me nona,
un ragno te fa la corona
che sluse col sole de istà.

Silensio e mistero lì intorno,
'te l'aria profumo de Eterno,
la vita con tuto el so inverno
'te un lampo xe roba passà.

Graneto rabià de universo,
te serchi rason de sta vita,
vardà da sta pace infinita
deventa pi belo el doman.


Traduzione in italiano

Capitello
Sul monte ci sta un capitello
scavato sul vivo del sasso,
la nonna guidava il mio passo,
pregando di sotto al fardello.

Rivivo quel dolce momento:
raccolgo dei fiori lì intorno,
prometto:"Domani ritorno!".
Un bacio e via con il vento.

Oh Vergin dal viso consunto,
ti guardo ed il cor si emoziona,
ti brilla una strana corona
che un ragno ha tessuto per te.

C'è intorno qualcosa di arcano
che porta l'eterno nel cuore,
che rende silente il rumore
del nulla del vivere umano.

Tu uomo, che in questo universo,
del viver tuo cerchi ragione,
dall'alto di questa emozione,
più bello il domani sarà.

Racconto inviato da: Floriano Zambon-Thiene