POESIE - CAMPANIA
Natale
Il Natale pieno di lustrini e di vetrine addobbate è ben diverso dal nostro Natale di molti anni fa, più povero ma più sentito,più coinvolgente nel suo originario significato. Rileggendo questi pensieri scritti nel 1998, un velo di tristezza offusca i miei occhi perché manca all'appello anche il primo fratello, musicista e poeta che mi ha stimolato a scrivere.
Dialetto: Campania

Natale
So’ passate oramai tant’anne
a quanno, piccerella,
‘a nascita d’ô Bambeniello
me faciva cantà matina e sera.
Chell’aria cilestiale me sturdiva, scenniva
dint’â ll’anema e m’affatturava!

“ Ecco è giunta la mezzanotte
che Maria si risvegliò
si risvegliò con tanto ardore
perché è nato il Redentor”
cantàvemo ‘a sera p’â nuvena
mente i zampugnare spannivano pe' vvie
‘a musica doce d’â pasturale.

Pe ttiempo, nce mparàveme ‘e ppuesie
e ‘a sera d’â viggilia, ‘a sacresa,
tutt’‘e letterine sciuliàveno
sott’ô piatto ‘e papà, maggicamente,
pe scorge ‘a stessa maraviglia
p’avè sempe ‘a stessa ‘nferta.

Ogn’anno ‘a soccia storia.
I ssei lettere fernivano sempe a ttale e quale:
“Cara mamma e caro papà
d’ora innanzi vi prometto
che sarò più buono e più ubbidiente”
e isse, cu ‘a priezza dint’ô core,
facivano abberè ‘e crere
a tutte ‘e prumesse nove.

L’anne so’ passate, papà nun c’è cchiù
e nuje simme rimaste cinche…
I figli nuoste, ca se so’ fatte gruosse,
nun ausano cchiù sti ccose
ca sanno ormaje d’antichità.

Eppure, nu vulìo m’aggià levà!
Voglio pruvà a scrive n’ata vota
‘e prumesse ‘e tantu tiempe fa.
Natale 1998



Traduzione in italiano

Natale
Sono trascorsi ormai molti anni
da quando, piccolina,
la nascita del Bambinello
mi infondeva allegria e serenità.
Quell'atmosfera celestiale mi stordiva, penetrava
in fondo all'anima e mi ammaliava!

“ Ecco è giunta la mezzanotte
che Maria si risvegliò
si risvegliò con tanto ardore
perché è nato il Redentor”
cantavamo la sera durante la novena
mentre gli zampognari diffondevano per la strade
la musica dolce della pastorale.

Per tempo, mandavamo a memoria le poesie
e la sera della vigilia, di nascosto,
facevamo scivolare tutte le letterine
sotto il piatto di papà, così, magicamente,
per scorgere la stessa meraviglia,
per avere sempre la stessa strenna.

Ogni anno la stessa storia.
le sei letterine finivano sempre allo stesso modo:
“Cara mamma e caro papà
d’ora innanzi vi prometto
che sarò più buono e più ubbidiente”
e loro, con la gioia nel cuore,
facevano finta di credere
a tutte le promesse nuove.

Gli anni sono passati, papà non c'è più
e noi siamo rimasti in cinque...
I figli nostri, che son diventati grandi,
non usano più scrivere di queste cose
che sanno ormai d'antichità.

Eppure, un desiderio vorrei levarmi.
Voglio provare a scrivere ancora una volta
le promesse di tanto tempo fa.

Racconto inviato da: Rosalia D'Ambrosio